PL3 Bahrain: Verstappen può solo temere Mercedes – Formula 1 Power

[Gli indizi delle PL3] – Terzo turno di prove libere che, come da programma, lascia i risultati da prendere con cautela, vista la grande diversità delle condizioni climatiche tra la sessione e le qualifiche e la gara. Nonostante ciò, i riferimenti per i primi due posti non sono cambiati: Verstappen e Red Bull continuano a sembrare la combinazione più pronta, capace di produrre prestazioni con ogni mescola e di posizionare un tempone sulla finitura con gomma morbida che lascia Hamilton sette decimi dietro.

Il britannico continua ad avere problemi in zona “serpente”, curve 5-6-7 e nel corso della curva 11. Se nella prima sezione il sette volte iridato dimostrasse di poter adattare il suo stile di guida alla nuova vettura , curva alla fine del secondo settore non riesce a produrre prestazioni, lasciando decimi e metri ai rivali olandesi.

L’incognita per la pole resta il livello di potenza che la Mercedes sarà in grado di esprimere a fine pomeriggio. Se non riescono a produrre un surplus di cavalli sufficientemente ampio, gli anglo-tedeschi potrebbero perdere la loro prima pole della stagione.

Davanti Ferrari i risultati sono stati sempre buoni, con Sainz e Leclerc che hanno preso il tempo con una gomma media, a differenza della gomma morbida di Gasly, con il quale abbiamo confrontato il giro dello spagnolo per cercare di avere referenze. I benefici di trazione e grip della mescola morbida del francese sono evidenti, ma rispetto a quanto visto altre volte il motore Ferrari è apparso particolarmente conservativo, probabilmente ancora a causa delle temperature.

La possibilità di lottare per emergere dietro ai primi due resta concreta, ma finalmente, nel breve periodo, tanti dubbi possono essere spazzati via con le prime qualifiche dell’anno.

READ  Barcellona, ​​Luis Enrique: "Futuro Messi? I blaugrana devono ottenere una cosa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *