Poco prima del vertice NATO, la Svezia condanna qualcuno per aver finanziato per la prima volta il PKK

Poco prima del vertice NATO, la Svezia condanna qualcuno per aver finanziato per la prima volta il PKK

Il presidente del tribunale svedese Maans Wigen durante la conferenza stampa sulla condanna di un uomo per aver finanziato il Pkk.  ImmagineAFP

Il presidente del tribunale svedese Maans Wigen durante la conferenza stampa sulla condanna di un uomo per aver finanziato il PKK.ImmagineAFP

La sentenza riguarda un uomo di 41 anni di origine curdo-turca. A gennaio ha minacciato con una pistola un impiegato di un bar di Stoccolma. L’uomo ha detto di essere stato inviato dal PKK e ha costretto il barista a donare denaro per il movimento. Il giudice lo ha appena condannato a 4 anni e mezzo di reclusione per estorsione e finanziamento al terrorismo. Quindi viene espulso dal paese.

Colpisce la tempistica della dichiarazione, consapevole o no. La prossima settimana si terrà a Vilnius, in Lituania, il vertice annuale della NATO. Gli Stati Uniti e la Svezia vogliono poter annunciare in questo vertice che la Svezia diventerà definitivamente il 32° stato membro della NATO. La condanna dell’uomo potrebbe significare una spinta diplomatica per rispettare quella scadenza autoimposta.

Circa l’autore
Joram Bolle è relatore generale di di Volkskrant.

La Turchia è il principale ostacolo a questa ammissione. Secondo questo paese, la Svezia non sta facendo abbastanza per impedire ai sostenitori dell’organizzazione curda, etichettata come organizzazione terroristica da Turchia, UE e Stati Uniti. Inoltre, la Svezia dovrebbe estradare i sospetti curdi ricercati dalla Turchia, ha affermato il presidente Erdogan.

La stessa Svezia ha da tempo dichiarato di soddisfare le condizioni poste dalla Turchia per diventare membro della NATO. Recentemente è stata approvata una nuova legge antiterrorismo, redatta sei anni fa, che rende più facile perseguire i sostenitori del PKK. La conseguenza è la condanna dell’uomo di 41 anni.

In un altro caso, la Corte Suprema svedese ha stabilito che un curdo poteva essere estradato in Turchia. La Turchia vuole perseguire l’uomo per reati legati alla droga. L’uomo afferma che la Turchia lo sta cercando per le sue attività per il partito politico filo-curdo HDP. Le organizzazioni per i diritti umani temono che la Turchia stia usando il pretesto dei legami con il PKK per prendere di mira gli oppositori politici.

READ  Cosa è andato storto con il primo lancio di un razzo in Europa occidentale?

Brucia coranico

La Svezia continua a complicare la vita in altre aree. A gennaio, l’attivista di estrema destra Rasmus Paludan ha bruciato un Corano davanti all’ambasciata turca a Stoccolma. La Turchia ha quindi interrotto temporaneamente i negoziati sull’adesione della Svezia alla NATO. La settimana scorsa, un altro Corano è stato bruciato, questa volta da un immigrato iracheno in una moschea di Stoccolma. Anche la Turchia ha reagito con rabbia all’incendio del Corano la scorsa settimana.

La Svezia consente i roghi del Corano in nome della libertà di espressione, sebbene il governo svedese condanni tali azioni come islamofobe. La polizia si è ripetutamente rifiutata di rilasciare un permesso per tali azioni per motivi di sicurezza. Tuttavia, un tribunale svedese ha stabilito che non vi era alcuna base per questo.

Resta quindi molto incerto se la prossima settimana ci sarà un accordo sull’adesione della Svezia, anche se Stati Uniti e Svezia stanno facendo tutto il possibile per raggiungere questo obiettivo. Mercoledì, il primo ministro svedese Ulf Kristersson era a Washington per concordare una strategia diplomatica con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per forzare una svolta. Le delegazioni di Turchia, Svezia e Finlandia si incontreranno giovedì a Bruxelles sotto la guida del segretario generale Jens Stoltenberg.

Resta da vedere se la Turchia ne sarà colpita. Il ministro degli Esteri turco Hakan Fidan ha dichiarato di rifiutare “l’uso dei limiti di tempo come metodo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *