Positivo per Covid, muore tre settimane dopo il gemello: era il capo degli alpini

Addio alla leader storica di Ana Luciano Londero, 77 anni. Come suo fratello Livio è risultato positivo al Covid

GEMONA. E ‘scomparso Luciano Londero, maestro artigiano di Campolessi e chef storico di Ana. Luciano Londero è morto giovedì mattina all’età di 77 anni nel reparto Covid dell’ospedale di Gemona, tre settimane dopo la scomparsa del fratello gemello Livio, deceduto il 22 aprile: anche lui contagiato dal virus. Luciano era malato da tempo ed è stato seguito dall’ospedale di Tolmezzo. A Pasqua era risultato positivo su campioni prelevati prima del ricovero: era stato contagiato dal suo gemello, Livio, che ogni giorno portava a casa il giornale in bicicletta. A seguito della positività, Luciano Londero era stato ricoverato a Udine dove ha superato i sintomi del Covid ed è stato poi trasferito a Gemona, ma le sue condizioni sono rapidamente peggiorate. La notizia della sua morte si diffuse rapidamente a Campolessi dove Luciano Londero era noto per la sua lunga attività di artigiano falegname che aveva svolto nella sua bottega di via dei Pini, un’intensa attività che negli anni Settanta gli consentì di ottenere il titolo di cavaliere. lavoro: ancora oggi sono stati realizzati da lui molti serramenti in legno di molte famiglie Gemon.

La sua manualità unita al suo attaccamento al villaggio lo hanno reso una delle figure centrali del paese nel corso dei decenni. Nel 1971 è il fondatore del gruppo Ana de Campolessi, che ha guidato come capogruppo fino al 1976: “Abbracciamo la nostra famiglia – ha detto Ivo Del Negro, presidente della filiale di Ana de Gemona -: quando nel 2011 abbiamo festeggiato i 40 anni del gruppo Ana, Luciano mi ha regalato un rombo in legno con il cappello da alpino fatto da lui e che ancora ho. A settembre, se le direttive anti-Covid lo consentono, vogliamo festeggiare i 50 anni di Ana di Campolessi: lo farà sia una buona occasione per ricordarlo ”.

READ  "Tre milioni di euro per tre stanze", come buttano i nostri soldi nel cesso - Libero Quotidiano

Per gli Alpini di Campolessi Luciano Londero si era impegnato a costruire la sede, una casetta acquistata da lui stesso in Carnia e poi collocata nel suo laboratorio che ancora oggi si trova nel Parco della Rimembranza, il parco della frazione: anche questo luogo è diventato uno tra le più suggestive della località grazie all’impegno di Londero.

Nel cantone Luciano Londero era attivo e presente anche nel circolo ricreativo e culturale che organizza la festa di San Marco. Londero, che faceva parte del consiglio di amministrazione dell’associazione, partecipò alle prime edizioni di questo festival alla fine degli anni ’60 quando si tenne nella zona adiacente alla casa di Londero: “Siamo molto addolorati per la perdita di Luciano – commenta David Cragnolini , presidente del circolo -, persona valida e sempre disponibile alle iniziative del paese. Non lo dimenticheremo. Abbracciamo le nostre famiglie, esprimendo la nostra vicinanza “.

Luciano Londero lascia la moglie Marisa e molti nipoti. La data del funerale non è stata ancora fissata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *