“Possiamo colpire una sera”

“Possiamo colpire una sera”

A marzo l'atmosfera era ancora migliore.  Successivamente, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (a destra) ha pranzato a Istanbul con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.  Statua di Mustafa Kamaci/Agenzia Anadolu/Getty

A marzo l’atmosfera era ancora migliore. Poi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan (a destra) ha pranzato a Istanbul con il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis.Statua di Mustafa Kamaci/Agenzia Anadolu/Getty

“Il prezzo sarà alto”, ha detto Erdogan. “Diciamo solo una cosa alla Grecia: non dimenticare Smirne”. Questo è un riferimento a una battaglia storica, esattamente cento anni fa la scorsa settimana, in cui i greci hanno perso contro l’esercito turco. “Possiamo colpire una notte”, ha aggiunto.

Il presidente ha usato più volte quest’ultima frase negli ultimi anni per riferirsi alle azioni dei militari turchi contro i militanti curdi in Siria e Iraq. Queste operazioni, infatti, sono avvenute dopo un po’ di tempo.

Le tensioni tra i due Stati membri della NATO sono aumentate negli ultimi cinquant’anni. Nel 1996, due isole greche insignificanti e disabitate nell’Egeo sono quasi entrate in conflitto militare. Nell’estate del 2020 il tamburo della guerra si è rimesso in moto, questa volta sui diritti sul gas nel fondo del Mediterraneo.

L’anno scorso l’atmosfera sembrava essersi schiarita ei paesi vicini hanno ripreso a parlare. A marzo Erdogan e il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis hanno pranzato insieme, ma due mesi dopo Erdogan ha ripetuto che Mitsotakis “per me non esiste”. Ciò dopo che il primo ministro greco si è pronunciato a Washington contro la partecipazione turca al rinnovo da parte della NATO del caccia F-16.

A fine agosto i turchi hanno reagito con furia quando la Grecia, come sostenuto da Ankara, ha ostacolato l’aviazione turca durante un’esercitazione Nato. Ciò sarebbe accaduto con il sistema antiaereo russo S-300. Gli Stati Uniti e l’Europa sono arrabbiati per il fatto che Ankara abbia acquistato l’S-400 russo, ma rimarranno in silenzio, ha osservato Ankara irritato, se i greci useranno l’S-300 contro un partner della NATO.

READ  Svizzera, oggi referendum per vietare i pesticidi - Corriere.it

molto vecchio

C’è una notevole quantità di vecchie piaghe tra la Turchia e la Grecia. Ci sono state a lungo controversie territoriali sulle numerose isole del Mar Egeo. Negli ultimi anni la questione è stata nuovamente sollevata dai diritti legati al gas nei fondali del Mar Mediterraneo. Questo gioca anche un ruolo nel conflitto su Cipro che esiste dal 1974.

Erdogan ha ora aggiunto benzina sul fuoco affermando per la prima volta che la Grecia ha “occupato” un certo numero di isole. Atene l’avrebbe ottenuto attraverso negoziati all’epoca, a condizione che rimanessero smilitarizzati. Secondo il governo turco, Atene ha violato questa condizione.

La vecchia piaga si è manifestata anche in una straordinaria faida su Twitter la scorsa settimana. Il quartier generale della NATO a Smirne si è rivolto a Twitter per congratularsi con la Turchia in occasione del Giorno della Vittoria, la commemorazione annuale della battaglia vinta dall’esercito turco a Dumlupinar. Poco dopo fu fondata la Repubblica Turca. Quest’anno la commemorazione ha avuto un tocco speciale: sono passati cento anni.

La congratulazione non è stata ben accolta ad Atene. Dopotutto, furono le forze greche a essere sconfitte nel 1922! La stampa greca si è sollevata e presto il ministero degli Esteri greco si è rivolto alla NATO a Bruxelles. Il tweet è poi scomparso.

“Si vede”, ha scritto l’editorialista Hilal Kaplan. sul giornale filogovernativo Sabah quotidiano“che l’atteggiamento infantile della Grecia ha portato la Nato a cedere alle delusioni di Atene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *