Non c’è tempo da perdere, avvertono i politici italiani preoccupati

Non c’è tempo da perdere, avvertono i politici italiani preoccupati

Questo fine settimana, riuniti sulle rive del Lago di Como per l’annuale Forum Ambrosetti, gli imprenditori hanno criticato i politici per aver estromesso il primo ministro Mario Draghi nel mezzo di una crisi energetica in Europa.

“Ci sarà Natale prima che i ministri del nuovo governo prendano posto, ma abbiamo problemi che devono essere risolti in giorni, non settimane”, ha detto Armando De Nigris, presidente dell’omonima acetaia.

I prezzi record della benzina hanno più che raddoppiato il costo della condensazione dell’uva che va nelle 35 milioni di bottiglie di aceto balsamico che De Nigris produce ogni anno.

“Corriamo il rischio di produrre qualcosa che non possiamo vendere in sei mesi perché non possiamo trasferire aumenti di prezzo”, ha detto.

Un blocco di centrodestra è sulla buona strada per una netta vittoria alle elezioni del 25 settembre, ma la formazione del governo è un processo notoriamente lento in Italia.

La lobby del settore Confindustria ha avvertito la scorsa settimana che l’Italia sta per subire un “terremoto economico” a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia e ha chiesto il sostegno del governo provvisorio guidato dall’ex capo della Banca centrale europea Draghi.

L’Italia ha già stanziato oltre 50 miliardi di euro quest’anno per cercare di mitigare l’impatto dell’aumento dei costi energetici su imprese e famiglie e questa settimana sono previsti ulteriori aiuti.

A RISCHIO FONDI DI RECUPERO?

Riccardo Illy, presidente del gruppo alimentare Polo del Gusto, che possiede il marchio francese di tè Damman Freres e il marchio di cioccolato Domori, teme che l’Italia possa perdere alcuni dei fondi promessi dall’UE per la sua ripresa post-COVID.

READ  "I cittadini europei si sentono presi in giro da alcune case farmaceutiche" - Corriere.it

“Draghi avrebbe potuto continuare fino alla fine del suo mandato… chiunque venga, perderemo miliardi di euro”, ha detto. L’Italia è in linea per circa 200 miliardi di euro, ma i fondi dipendono da una serie di riforme in corso di attuazione.

La dipendenza dal gas russo e un grande settore manifatturiero composto principalmente da piccole imprese rendono l’economia italiana particolarmente vulnerabile alla crisi energetica.

Dall’inizio del conflitto in Ucraina a febbraio, molte aziende nei settori ad alta intensità energetica come acciaio, vetro, ceramica e carta hanno dovuto tagliare la produzione a causa degli elevati costi di produzione.

“Quando il prossimo ministro (economico) risolverà i nostri problemi – e possiamo solo sperare che sia il migliore di tutti i ministri – potrebbe essere troppo tardi”, ha detto il titolare dell’azienda Romano Pezzotti, centro di riciclaggio vicino alla cittadina settentrionale. di Bergamo.Fersovere corto.

“Dopo aver commesso il grande errore di rovesciare il governo nella peggiore crisi del secolo scorso… i politici dovranno rivolgersi di nuovo a qualcuno che sia in grado di risolvere i problemi del Paese”, ha aggiunto.

La crisi energetica getta l’ombra più lunga.

“Sappiamo tutti cosa bisogna fare”, ha affermato Matteo Tiraboschi, presidente esecutivo del produttore di freni di fascia alta Brembo, una delle principali società quotate alla Borsa di Milano.

“La bolletta energetica in Italia è quasi raddoppiata”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *