Possibile intervento internazionale ad Haiti: cosa sta succedendo?  |  ADESSO

Possibile intervento internazionale ad Haiti: cosa sta succedendo? | ADESSO

Haiti sta attraversando una crisi umanitaria. Uno esacerbato dalla violenza delle bande. Diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, chiedono un intervento. Ma cosa significa esattamente?

Innanzitutto: cosa sta succedendo esattamente ad Haiti? Il paese è alle prese con un’economia stagnante, carenza di cibo e carburante, mancanza di acqua pulita, violenza tra bande e una nuova epidemia di colera.

Bande criminali stanno bloccando uno dei principali terminali di rifornimento del Paese, aggravando ulteriormente la situazione. I prezzi della benzina e del diesel sono saliti alle stelle e c’è una grave carenza di carburante. Di conseguenza, il trasporto è quasi fermo.

Il blocco provoca anche insicurezza alimentare. Questo minaccia la fame acuta per quattro milioni di persone nel paese dei Caraibi, secondo l’ONU.

Gli inviti all’azione sono già stati lanciati. All’inizio di ottobre, il primo ministro haitiano Ariel Henry ha chiesto aiuto ad altri paesi. Voleva una “forza armata specializzata” per riprendere il controllo del terminal petrolifero.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe prendere in considerazione una forza di mantenimento della pace per Haiti. Anche gli Stati Uniti hanno indicato che stanno considerando questo.

Tutto è diventato un po’ più concreto quando gli Stati Uniti e il Canada sono venuti in soccorso a metà ottobre. Il governo haitiano aveva acquistato veicoli armati e altre attrezzature, ma la loro consegna è stata ritardata. Gli Stati Uniti e il Canada hanno aiutato a trasportare i veicoli in modo che la polizia nazionale di Haiti potesse usarli nella lotta contro la violenza delle bande.

READ  Il partito di Angela Merkel ha scelto Armin Laschet come candidato cancelliere per le elezioni di settembre

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha affermato che gli Stati Uniti continueranno a rafforzare le forze di polizia haitiane.

Nel frattempo, Stati Uniti e Messico hanno redatto due risoluzioni (proposte) che devono essere decise dal Consiglio di sicurezza dell’ONU. Uno riguarda le sanzioni contro i capi delle bande haitiane ei loro sostenitori. È stato adottato all’unanimità venerdì.

La seconda proposta è per una “missione accuratamente delineata non guidata dalle Nazioni Unite, ma da una nazione partner con la profonda e necessaria esperienza necessaria affinché un tale sforzo sia efficace”, ha affermato l’ambasciatore statunitense all’ONU Linda Thomas Greenfield. In poche parole, è una potenza internazionale che dovrebbe aiutare a combattere la violenza delle bande.

“Il popolo di Haiti non può più aspettare”, ha detto Judes Jonathas dell’ONG Mercy Corps. Il guardiano.

Ma ad Haiti temiamo anche un’altra forza internazionale. Il paese caraibico ha una lunga storia di interferenze internazionali. La forza delle Nazioni Unite che è stata ad Haiti dal 2004 al 2017 è stata criticata da molti per essere stata percepita da molti come un’occupazione straniera. Secondo quanto riferito, l’operazione delle Nazioni Unite chiamata Minustah ha usato violenza contro la popolazione locale in un sobborgo della capitale Port-au-Prince. La Minustah avrebbe anche avuto un ruolo nella diffusione del colera nel 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *