“Il potere deterrente c’è”. Putin vuole davvero la guerra nucleare?

Vladimir Putin sta iniziando una guerra nucleare? Domenica, il presidente russo ha annunciato di aver posto le unità militari che gestiscono armi nucleari russe in uno stato di maggiore prontezza. L’annuncio di Putin è arrivato lo stesso giorno della notizia che Russia e Ucraina si sarebbero incontrate “senza precondizioni” per colloqui vicino a Chernobyl, al confine tra Ucraina e Bielorussia, forse già lunedì.

Leggi anche: Gli ucraini offrono una feroce resistenza, minaccia una guerra di logoramento

“I paesi occidentali non stanno solo adottando misure economiche ostili contro il nostro paese sotto forma di sanzioni economiche, anche i leader dei principali paesi della NATO stanno facendo dichiarazioni aggressive sul nostro paese. Ecco perché ordino che la forza deterrente russa si muova verso un regime speciale di maggiore prontezza”, ha detto Putin in un incontro televisivo con il suo ministro della Difesa Sergei Shoigu e il suo capo di stato maggiore Valery Gerasimov. I poteri deterrenti includono anche le armi nucleari.

Non è chiaro cosa intendesse il presidente con la sua minaccia. Così come il senso militare delle sue osservazioni. Gran parte dell’arsenale missilistico intercontinentale russo è già pronto a rispondere immediatamente agli attacchi.

Gli analisti lo leggono principalmente come un avvertimento alla NATO di non essere coinvolta nella guerra in Ucraina. Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha definito l’ordine nucleare di Putin alla CNN “aggressivo” e “irresponsabile”.

La Casa Bianca degli Stati Uniti ha affermato che Putin stava deliberatamente “inventando” minacce esterne per giustificare un’ulteriore aggressione contro l’Ucraina. “È un modello che abbiamo visto con Putin durante questo conflitto”, ha detto un portavoce. L’ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha definito la mossa “un’escalation inaccettabile”.

READ  "Piccola speranza" per un delfino bianco nella Senna | All'estero

missili intercontinentali

Gran parte dell’arsenale russo di missili intercontinentali è in standby in modo che possano essere lanciati rapidamente in caso di attacco alla Russia. Gli Stati Uniti mantengono anche alcuni dei loro missili balistici intercontinentali in “allerta”. Resta da vedere fino a che punto la preparazione russa sarà ulteriormente rafforzata.

Pavel Podvig, ricercatore dell’UNIDIR, l’Istituto delle Nazioni Unite per la ricerca sul disarmo, ha suggerito su Twitter che potrebbe trattarsi di un “ordine di avviso”, che consente ai sistemi operativi di ricevere un ordine di lancio – normalmente questa funzione è disabilitata. Tuttavia, ciò non significa che la Russia si stia preparando per un “first strike”, ha detto Podvig. Nella dottrina russa, i missili intercontinentali possono essere schierati solo se la Russia viene attaccata con armi nucleari, o se l’esistenza stessa dello Stato è in gioco da un attacco con armi convenzionali.

L’esperto di difesa Ko Colijn ha trovato sorprendente che Putin abbia pubblicizzato la maggiore prontezza in modo così dimostrativo. “Per quanto ne so, Nixon ha armato i missili americani durante la guerra dello Yom Kippur nel 1973, ma non l’ha fatto sapere ai russi fino ad allora”. Colijn legge l’annuncio di Putin come un tentativo di esercitare pressioni psicologiche – sull’Occidente, ma forse anche sulla sua stessa popolazione russa.

Negli ultimi anni, la Russia ha lavorato duramente per modernizzare il suo arsenale di armi nucleari. Gli esperti militari concordano sul fatto che l’arma russa più formidabile è il missile Sarmat, noto anche come Satan 2. Ha una portata di diecimila chilometri e può seminare un terrore senza precedenti in molte parti del mondo se caricato con testate nucleari.

READ  L'accusa all'Inghilterra: "Perché la finale è preparata..."

Putin si è isolato

Fino a che punto Putin è disposto ad andare rimane un mistero per il mondo esterno. In un discorso che annunciava l’invasione dell’Ucraina la scorsa settimana, ha affermato che i paesi occidentali che cercano di contrastare l’azione della Russia dovrebbero “considerare le conseguenze che non hanno mai visto prima”.

Leggi anche: Non tutti i leader mondiali condannano l’invasione russa

Lo stato mentale del presidente russo desta preoccupazione. Putin è stato sempre più isolato dall’inizio della pandemia di corona. Ha operato da un bunker appositamente attrezzato dall’inizio della pandemia di corona. Per le sue informazioni dipende in gran parte dal suo immediato entourage di funzionari leali, che visibilmente si rannicchiano davanti a lui durante le apparizioni televisive. E per quanto le azioni di Putin possano sembrare selvagge al mondo esterno, secondo Putin, la minaccia di un’opzione nucleare potrebbe essere meno estrema. Con l’invasione dell’Ucraina – che ha sbalordito anche gli esperti di Putin – il leader russo ha varcato una nuova frontiera. Le dure sanzioni economiche dell’Occidente stanno mettendo alle strette Putin, ma sembrano anche renderlo più determinato.

Nel frattempo, i combattimenti in Ucraina sono entrati nel loro quarto giorno domenica, con pesanti combattimenti a Kiev e nella città orientale di Kharkov. L’unico barlume di speranza è arrivato con l’annuncio di Zelensky che i negoziatori ucraini e russi si incontreranno al confine bielorusso-ucraino, nella regione di Chernobyl. “Non credo davvero nei risultati, ma lascia che ci provino”, ha detto Zelensky cupamente. Il fatto che i colloqui si svolgano nel luogo del più grande disastro nucleare della storia è ironico.

READ  Covid, in Israele, fuori le maschere non sono più obbligatorie - Corriere.it

In collaborazione con Calze Blokker e steven derix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *