Primi olandesi evacuati dal Sudan, il convoglio francese e del Qatar ha sparato

Primi olandesi evacuati dal Sudan, il convoglio francese e del Qatar ha sparato

A Khartoum, capitale del Sudan, si svolgono violenti combattimenti tra due eserciti sudanesi.  Punto di accesso alle immagini

A Khartoum, capitale del Sudan, si svolgono violenti combattimenti tra due eserciti sudanesi.Punto di accesso alle immagini

Il primo gruppo di olandesi ha lasciato il Sudan alla volta della Giordania su un aereo francese domenica pomeriggio. Secondo il ministro degli Esteri Hoekstra, si tratta di “un pugno di olandesi”. L’aereo è decollato da un aeroporto fuori Khartoum. Gli olandesi dovevano arrivarci con i propri mezzi, il che, secondo il ministro, non era privo di pericoli. Altri olandesi sono in viaggio verso la città portuale di Port Sudan con un convoglio delle Nazioni Unite.

Hoekstra ha detto di sperare che altri olandesi dal Sudan raggiungano la Giordania sicura domenica. Secondo Hoekstra, l’evacuazione è una “operazione molto complessa” che l’Olanda sta portando avanti con Francia e Germania. “Abbiamo concordato che porteremo i reciproci compatrioti”. In Giordania anche gli aerei olandesi sono pronti per essere utilizzati per l’evacuazione.

Circa l’autore
Michel Maas è il redattore estero di di Volkskrant. In precedenza, è stato reporter di guerra e corrispondente dall’Europa orientale e dal sud-est asiatico.

Sabato sera gli Stati Uniti sono stati i primi a evacuare il personale dell’ambasciata dalla zona di combattimento in elicottero. I chinook della base militare statunitense di Gibuti sono sbarcati presso l’ambasciata statunitense a Khartoum e hanno prelevato circa 70 diplomatici e le loro famiglie. Furono portati nella vicina Etiopia.

Domenica pomeriggio, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha confermato che ora anche i diplomatici britannici e le loro famiglie sono stati evacuati “con un’operazione complessa e rapida”. Il Foreign Office del Regno Unito aveva precedentemente riferito di “un aumento della violenza contro le missioni diplomatiche straniere”.

READ  L'AIEA vuole controllare il livello dell'acqua di raffreddamento nella stessa centrale nucleare dopo il crollo della diga • Il leader nordcoreano si attacca a Putin

Secondo quanto riferito, domenica anche convogli di stranieri sono stati colpiti da fuoco. Secondo fonti sudanesi, un convoglio francese è stato abbattuto e una persona è rimasta ferita. Le due fazioni in guerra – l’esercito regolare sudanese e le forze paramilitari di supporto rapido (RSF) – si sono accusate a vicenda di aver sparato contro il convoglio. La Francia aveva annunciato domenica mattina che i soldati francesi avevano lanciato una simile “operazione di evacuazione rapida”, ma il ministero degli Esteri francese non ha riferito dell’incidente.

L’esercito sudanese ha accusato l’RSF di aver attaccato e saccheggiato domenica un convoglio del Qatar mentre si dirigeva verso la città portuale di Port Sudan. Il ministero degli Esteri egiziano ha riferito che un membro della sua missione diplomatica è stato colpito e ferito in un incidente. Le circostanze dell’incidente e la gravità delle sue ferite non sono state rese note.

seconda settimana

Sabato i combattimenti in Sudan sono entrati nella seconda settimana. L’esercito governativo regolare guidato dal generale Abdel Fatah al-Burhan si scontra con le forze paramilitari di supporto rapido (RSF) del generale Mohamad Hamdan Dagalo, soprannominato “Hemeti”. Nel 2021 i due generali hanno preso il potere con un colpo di stato congiunto, ma da allora i rapporti tra i due uomini si sono deteriorati.

Le RSF, emerse dalle milizie che hanno combattuto in Darfur nei primi anni 2000, sono un’eredità del deposto dittatore Omar el-Bashir. Lo ha fondato nel 2013 come esercito privato. I generali avevano concordato che la RSF si sarebbe infine fusa con l’esercito regolare, ma prima che ciò potesse accadere sono scoppiati i combattimenti, che stanno assumendo sempre più le sembianze di una guerra civile.

I combattimenti sono scoppiati il ​​15 aprile e da allora sono continuati a pieno regime, nonostante gli appelli per un cessate il fuoco e l’Eid islamico, iniziato venerdì. Almeno 400 persone sono state uccise finora, di cui 256 civili, secondo l’Associazione dei medici sudanesi. Migliaia di persone sono rimaste ferite. I combattimenti non infuriano solo a Khartoum, ma anche in altre grandi città e nella regione del Darfur.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *