Primoz Roglic: “Il Tour de France potrebbe essere una scelta migliore”

Colloquio

A causa di gravi incidenti al Tour de France e alla Vuelta a España, Primož Roglič ha dovuto lasciare entrambi i Grand Tour all’inizio della scorsa stagione. Questo è stato seguito da un intervento chirurgico alla spalla e più di tre mesi di riabilitazione. Tuttavia, il leader sloveno della Jumbo-Visma si rifiuta di parlare di una stagione fallimentare.

“È così”, ha detto Roglič in una conversazione con Flash in bicicletta. “Le cadute fanno parte del ciclismo. L’ho già lasciato alle mie spalle.

Il 33enne ciclista di alto livello preferisce ricordare i successi ottenuti nel 2022. “La Parigi-Nizza e il Critérium du Dauphiné sono grandi gare. Certo, finora è stata la mia stagione peggiore, ma di certo non è stato un disastro. Né dovremmo drammatizzare. Ora non vedo l’ora di raggiungere nuovi obiettivi.

All’inizio di dicembre Roglič ha ottenuto il via libera dai medici per tornare a pedalare su strada. Dalla sua caduta durante la 16a tappa della Vuelta a España, non ha quasi mai guidato una bicicletta. “Dopo l’operazione alla spalla, ho dovuto riposare per otto settimane. Stava migliorando ogni settimana, ma tale recupero richiede tempo. Hanno preso parte del mio osso e l’hanno aggiunto alla zona delle spalle. Il primo periodo dopo l’operazione, riuscivo a malapena a muovere il braccio. Ora non riesco ancora a raddrizzare completamente il braccio. Per fortuna non sono un nuotatore, perché allora un intervento del genere avrebbe un impatto molto maggiore.

Roglič dice di aver passato un periodo difficile dopo il suo incidente alla Vuelta. “È difficile perché ora ho un periodo nel mezzo della mia carriera in cui non sono stato in grado di lavorare sulla mia forma fisica per più di tre mesi. Ora improvvisamente ho dovuto fare un riposo obbligatorio per consentire al mio corpo di riprendersi correttamente.

Era necessaria questa operazione?
“Non ne potevo più. Riuscivo a malapena a dormire. È molto doloroso quando il braccio scivola fuori dalla presa. Questo deve essere successo dalle 30 alle 40 volte. Ho dovuto fare qualcosa al riguardo. Non avrei potuto prendere una decisione diversa dall’operazione.

Qual è il tuo piano a breve termine?
“La scansione ha mostrato che tutto è ricresciuto insieme e guarito. Questo mi ha dato il via libera per unirmi al ritiro della squadra a Denia a dicembre. Durante il secondo ritiro di gennaio spero di avere un’idea di come posso organizzare la mia stagione.

READ  Van Rijthoven cade subito al primo torneo dall'acrobazia di Wimbledon | ADESSO

A causa dell’operazione e della lunga riabilitazione, è difficile per Roglič prevedere la prossima stagione. Sebbene calmo come sempre, non si preoccupa troppo. “Senti, probabilmente non andrò al Tour Down Under. Sono convinto che potrò rifare le mie prime gare a marzo. È stato negli ultimi anni che sono tornato a gareggiare. Tutto ora dipende da come proseguirà la ripresa. Come sarà la mia stagione è ancora un mistero per me al momento. Non ha senso indicare se correrò il Giro d’Italia, il Tour de France o la Vuelta a España.

Primož Roglič dopo la caduta alla Vuelta a España – foto: Cor Vos

Roglič sembra avere poche ambizioni in questo momento verso la primavera. “È stata una pausa più lunga del solito”, ha detto. “Tre mesi sono un tempo molto lungo. Ma a volte anche un approccio diverso fa bene a qualcosa. Forse sarà una stagione in cui a malapena stabilisco obiettivi in ​​primavera e lavorerò meglio nei mesi successivi. Non lo so ancora. Ora devo fidarmi di questo approccio.

Il curriculum di Primož Roglič è piuttosto ricco. Nella sua lista ci sono tre vittorie nella classifica generale della Vuelta a España, il titolo olimpico a cronometro, Liegi-Bastogne-Liegi e più di dieci corse a tappe. Alla domanda su cosa gli manca, però, è chiaro: “Ci sono molte gare nel ciclismo, quindi puoi prefiggerti molti obiettivi. Sto ancora cercando di vincere diverse competizioni che mancano ancora dalla mia lista. Poi penso al Tour de France, al Giro d’Italia e sia ai Mondiali a cronometro che ai Mondiali su strada.

Si ipotizza che parteciperai al Giro d’Italia nel 2023. È realistico dopo questa lunga riabilitazione?
“Vorrei rifare il Giro. O sarà nel 2023? Prima devo recuperare al 100% da questo infortunio. Solo dopo posso definire i miei obiettivi. Temo che il Giro arriverà troppo presto la prossima stagione. Dipende su quanto tempo non posso uscire completamente a causa di questo infortunio, in questo periodo passano mesi, ora mi chiedo se quest’anno posso ancora iniziare il Giro ai massimi livelli, la prossima volta o se è più saggio prenderne di più tempo e prepararmi in modo ottimale per il Tour de France.

Il percorso del Giro d’Italia con più chilometri a cronometro non ti si addice più del percorso del Tour?
“Se sei bravo, allora ogni classe è giusta per te. Se ti senti meno bene, hai qualcosa da criticare su ogni corso. Non sono mai molto impegnato con il corso, ma preferisco concentrarmi sul mio livello.

READ  Controllo della forma Arabia Saudita | Red Bull molto forte sui circuiti cittadini, molti outsider hanno la loro chance

Hai ancora un conto scaduto con il Tour de France?
“Haha, ben espresso. Vedremo. È chiaro che il mio “lavoro” al Tour non è ancora finito. Il futuro mostrerà ciò che è ancora possibile. Voglio davvero tornare al Tour de France. La mia prima missione sarà tornare a Parigi. Dopo le ultime due deludenti edizioni, devo tornare alle origini e riprovare a raggiungere questo primo obiettivo. Ma ovviamente voglio competere in cima alla classifica. La prossima edizione sarà comunque speciale con Jonas che indosserà il numero 1 e dobbiamo difendere il titolo come Jumbo-Visma. Mi piace stare lì.

Come vede la tappa cruciale dell’ultimo Tour de France al Col du Granon?
“Sono lieto di sapere che così tante persone hanno apprezzato il nostro ‘lavoro di squadra’ quel giorno. Ho trovato divertente anche partecipare a questo spettacolo al penultimo passo della giornata, il Galibier. Sapevo che non stavo più correndo per le mie possibilità lì e che l’intenzione era di esaurire Tadej Pogačar al servizio di Jonas Vingaard.

Primož Roglič – foto: Raymond Kerckhoffs

“Sapevo che qualsiasi attacco avessi fatto lì sarebbe stata probabilmente una delle mie ultime imprese in questo Tour. Ci siamo andati con tutta la squadra per vincere il Tour. Se si presenta questa opportunità, non importa chi vince nella squadra. Ho solo dato tutto per creare la migliore situazione possibile per la squadra.

Sei rimasto sorpreso dal fatto che il tuo piano sul Galibier per esaurire Tadej Pogačar abbia funzionato così bene e che Jonas Vingaard sia riuscito a riconquistare la maglia gialla più tardi sul Granon?
“Ad essere onesti, questo risultato mi ha un po’ sorpreso. Il risultato è stato migliore di quanto ci aspettassimo. Certo, è stato difficile dover lasciare il Tour pochi giorni dopo. Il dolore dell’infortunio è diventato insopportabile, rendendo sconsigliabile continuare Ciclismo.

“Quando ho lasciato il Tour ero convinto che Jonas avrebbe vinto il round. Successivamente ho avuto contatti occasionali con i team manager da casa, ma non ho dovuto dare molti consigli. Tutto ha funzionato bene. Le loro tattiche elaborate ha funzionato molto bene e la squadra era molto forte.Certo, è stato doloroso non essere presente la scorsa settimana.Ma, appena lasciamo il Cirque du Tour, abbiamo subito la sensazione che ci sia una distanza.

READ  Oggi il CIO esamina il file mal di testa Giochi 2024: Russia e Bielorussia | Sport Altro

Il Tour de France è stato una grande delusione per te negli ultimi anni. Dopo il tuo secondo posto nel 2020, sei caduto due volte a causa di cadute. Pensi di poter battere ancora una volta la giovane guardia del Tour?
“Senza dubbio. Perché no? Non conta il risultato, conta la fatica che ci metti per raggiungere questo obiettivo. Mi vedo guidare la moto ai massimi livelli per almeno altri quattro anni. Valverde, Nibali… sono tutti corridori che si sono comportati bene in età avanzata. Perché non potevo?”

“Mi piace ancora molto andare in bicicletta. Gli allenamenti duri non sono sacrifici per me. Apprezzo sempre il duro lavoro verso un obiettivo. La scintilla per sfruttare al massimo la mia carriera, per fare tutto per essa, è ancora lì.

Roglič con le conseguenze della sua caduta visibili dopo la tappa acciottolata fino ad Arensberg – foto: Raymond Kerckhoffs

Remco Evenepoel ti ha sorpreso alla Vuelta a España?
“Non proprio. Non aveva bisogno di dimostrarmi che era così bravo. Aveva già vinto abbastanza grandi gare prima della Vuelta. Tutti sapevano che grande talento e ragazzo super forte fosse. J Ero pronto per un grande duello con lui nell’ultima settimana della Vuelta. Non vedevo l’ora di affrontare queste ultime tappe di montagna. Hai visto che ho iniziato a guidare meglio ogni giorno e sono migliorato in questa Vuelta. Purtroppo…”

A 33 anni, come vedi questa giovane generazione di corridori di classifica? Evenepoel (22), Pogačar (24) e Vingaard (25) sono molto più giovani.
“Penso che sia un buon sviluppo. Alzano l’asticella e si assicurano che anche noi dobbiamo migliorare. Mi piace la competizione, penso che sia una cosa salutare nello sport. Crea competizione e alza l’asticella. Ci sono sempre giovani piloti e un nuovo generazione sta emergendo. Non mi piace molto. Non ho alcuna influenza sul loro sviluppo e preferisco concentrarmi sulle cose che posso fare qualcosa per me stesso- devo assicurarmi di migliorare e di poter dare il meglio di me stesso.

Non ti senti già un po’ vecchio rispetto a un Evenepoel di undici anni più giovane?
“Ti senti vecchio quando sei molto più lento di loro. Se sono ancora in buona forma fisica, non noto molto la differenza di età”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *