Putin: la Russia riconosce l’indipendenza dell’intera regione del Donbass | All’estero

I ribelli controllano circa un terzo del cosiddetto bacino del Donbass, ma rivendicano un’area molto più ampia nella loro costituzione. Putin prende anche questo come punto di partenza. La Federazione Russa ha ufficialmente stabilito relazioni diplomatiche con entrambi gli Stati, che non sono ancora state riconosciute da altri Paesi.

Il capo dello Stato ha ricevuto martedì il via libera dal parlamento per fornire supporto militare ai separatisti di lingua russa nel paese vicino. Questo apre la strada al combattimento diretto con l’esercito ucraino nelle aree controllate da Kiev. I separatisti ora controllano circa il 30% di Donetsk e Luhansk.

Secondo Putin, se e quando i soldati russi andranno in Ucraina dipende dalla situazione. Putin aveva già annunciato che avrebbe inviato lì soldati russi in “missione di pace”. Tuttavia, secondo i media russi, hanno già attraversato il confine la scorsa notte. Putin in un discorso ha chiesto “un certo grado” di smilitarizzazione dell’Ucraina.

Personale diplomatico russo

La Russia ha deciso di evacuare il suo personale diplomatico dall’Ucraina, ha annunciato il ministero degli Esteri russo. “La nostra prima priorità è prenderci cura dei diplomatici russi e del personale dell’ambasciata e del consolato. Per proteggere le loro vite e la loro sicurezza, la leadership russa ha deciso di evacuare il personale dalle missioni russe in Ucraina.

L’evacuazione avverrà “in un futuro molto prossimo”, si legge nella nota.

READ  Il Pentagono indaga sui rischi per la sicurezza dopo aver fatto trapelare documenti top secret | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *