Putin sul suo stesso forum economico: l’Occidente viene rimproverato, i russi ricevono una spinta

Putin sul suo stesso forum economico: l’Occidente viene rimproverato, i russi ricevono una spinta

Ha anche incolpato l’Occidente per la crisi alimentare globale. “La carestia nei paesi più poveri peserà sulla coscienza del governo degli Stati Uniti e degli eurocrati”, ha affermato. E ancora: “Cosa c’entra la nostra operazione militare nel Donbass? È un modo conveniente per loro (occidentali, ndr) di incolpare la Russia per i propri errori.

In sintesi, il messaggio era: l’Occidente sta crollando, l’Unione Europea è una colonia dell’America, le sanzioni occidentali non ci fanno male, è tutta colpa degli Stati Uniti, ma in Russia abbiamo un futuro radioso purché abbiamo fiducia nella nostra terra natale. Perché, come ha concluso Putin: “Il vero successo è possibile solo se colleghi il tuo futuro e quello dei tuoi figli alla patria”, in riferimento all’élite russa che ha scelto di lasciare il Paese.

Ospiti notevoli

Prima del forum, il presidente cinese Xi Jinping e il presidente egiziano Sisi sono stati invitati a sedersi sul podio accanto a Putin. I due leader non erano presenti, anche se si sono rivolti al pubblico tramite videomessaggio.

Invece, il presidente kazako Tokaev si è seduto sul podio accanto a Putin. L’ospite era Margarita Simonjan, caporedattore di RT (ex Russia Today). Il pubblico comprendeva i leader delle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale.

Tokayev ha fornito un altro momento decisivo: dopo che Putin ha spiegato come la Russia avesse tutto il diritto di riconoscere le repubbliche popolari come indipendenti e di venire in soccorso a febbraio, “proprio come l’UE ha fatto con il Kosovo in quel momento”, ha affermato che le repubbliche popolari del Kazakistan non riconosciuto come indipendente

READ  Il giudice bielorusso infligge sei anni di carcere alla fidanzata del blogger Protasevich

Tra gli altri partecipanti c’erano il Presidente dell’Armenia, il Primo Ministro della Repubblica Centrafricana, il Presidente bielorusso Lukashenko e dignitari di Cuba, Venezuela e Myanmar. Gli ospiti più importanti sono stati i rappresentanti del governo talebano afgano. I talebani sono stati ufficialmente etichettati come un’organizzazione estremista in Russia e quindi banditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *