Putin sul suo stesso forum economico: l’Occidente viene rimproverato, i russi ricevono una spinta

Putin sul suo stesso forum economico: l’Occidente viene rimproverato, i russi ricevono una spinta

Ha anche incolpato l’Occidente per la crisi alimentare globale. “La carestia nei paesi più poveri peserà sulla coscienza del governo degli Stati Uniti e degli eurocrati”, ha affermato. E ancora: “Cosa c’entra la nostra operazione militare nel Donbass? È un modo conveniente per loro (occidentali, ndr) di incolpare la Russia per i propri errori.

In sintesi, il messaggio era: l’Occidente sta crollando, l’Unione Europea è una colonia dell’America, le sanzioni occidentali non ci fanno male, è tutta colpa degli Stati Uniti, ma in Russia abbiamo un futuro radioso purché abbiamo fiducia nella nostra terra natale. Perché, come ha concluso Putin: “Il vero successo è possibile solo se colleghi il tuo futuro e quello dei tuoi figli alla patria”, in riferimento all’élite russa che ha scelto di lasciare il Paese.

Ospiti notevoli

Prima del forum, il presidente cinese Xi Jinping e il presidente egiziano Sisi sono stati invitati a sedersi sul podio accanto a Putin. I due leader non erano presenti, anche se si sono rivolti al pubblico tramite videomessaggio.

Invece, il presidente kazako Tokaev si è seduto sul podio accanto a Putin. L’ospite era Margarita Simonjan, caporedattore di RT (ex Russia Today). Il pubblico comprendeva i leader delle autoproclamate repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk nell’Ucraina orientale.

Tokayev ha fornito un altro momento decisivo: dopo che Putin ha spiegato come la Russia avesse tutto il diritto di riconoscere le repubbliche popolari come indipendenti e di venire in soccorso a febbraio, “proprio come l’UE ha fatto con il Kosovo in quel momento”, ha affermato che le repubbliche popolari del Kazakistan non riconosciuto come indipendente

READ  L'ultima sfida di Trump: inversione di tendenza all'Epifania e guerra per il Senato

Tra gli altri partecipanti c’erano il Presidente dell’Armenia, il Primo Ministro della Repubblica Centrafricana, il Presidente bielorusso Lukashenko e dignitari di Cuba, Venezuela e Myanmar. Gli ospiti più importanti sono stati i rappresentanti del governo talebano afgano. I talebani sono stati ufficialmente etichettati come un’organizzazione estremista in Russia e quindi banditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *