Putin vuole un governo fantoccio a Kiev

L’Occidente non deve semplicemente abbandonare le aree dell’Ucraina orientale che la Russia minaccia di invadere, afferma Jaap de Hoop Scheffer, ex segretario generale della NATO ed ex ministro degli Esteri. “Cedere all’Ucraina non farà che aumentare la fame di Putin. E poi avremo un problema a livello europeo”, ha detto in tempo di notizie

Sostiene l’aumento delle forze occidentali nell’Europa orientale come deterrente. “Ulteriori truppe americane sono già state inviate in Polonia. Il fianco orientale è stato rafforzato in Romania. Vorrei fare un appello per i paesi baltici, che sono i più difficili geograficamente”.

Putin vuole un cambio di regime a Kiev.

De Hoop Scheffer pensa che il presidente russo Vladimir Putin voglia qualcosa di più del semplice portare le province di Donetsk e Luhansk sotto il suo controllo. Martedì Putin ha affermato di considerare indipendenti queste intere regioni, non solo le aree in cui i separatisti filo-russi sono già al potere. Se la Russia ha inviato truppe nelle province come “missione di pace”, una guerra diretta tra Russia e Ucraina sembra vicina.

“Potrebbe volerci un po’ di tempo, ma temo che i suoi piani siano molto più ambiziosi. Non riesco a immaginare come un presidente russo posizioni 150, 160, 170.000 soldati attorno ai confini dell’Ucraina solo per proteggere queste cosiddette repubbliche in possesso. Lui vuole un cambio di regime a Kiev. Vuole un governo fantoccio”.

Al confine delle zone separatiste con il resto dell’Ucraina i combattimenti si stanno intensificando, osserva sul posto il giornalista Michiel Driebergen:

“Ci siamo tuffati nella prima cantina, per ripararci”

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha anche definito le azioni della Russia negli ultimi giorni “l’inizio di un’invasione russa”. Ci sono poche cose che impediranno a Putin di farlo, dice De Hoop Scheffer. “Senza alcun tempo di preavviso, può intraprendere un’azione militare da vari punti, se lo desidera”.

Esercitazione di guerra nelle scuole

Anche nella capitale Kiev prendono sempre più sul serio la guerra, afferma il giornalista Gert-Jan Dennekamp. “All’inizio hanno detto qui: non ci sarà la guerra. Poi l’opinione era: potrebbe esserci una guerra, ma non a Kiev. E ora vedi che le persone tengono sempre conto del peggio”.

“Le aziende stanno pianificando di evacuare il personale e le loro famiglie a ovest. Vedete alla televisione nazionale che i bambini in età prescolare si stanno preparando a cosa fare se all’improvviso ci fosse un bombardamento. Li vedete sparire a due a due dietro l’insegnante nel seminterrato.”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sta ancora perseguendo la via diplomatica e spera in un sostegno internazionale. Dice di non essere provocato e di non rispondere militarmente. Non ha quindi scelta, dice Dennekamp: “Sa che con un esercito così grande al suo confine, non può fare la differenza militarmente”.

Abbiamo chiesto all’ex comandante delle forze di terra Mart de Kruif delle opzioni militari di Putin:

Come la Russia può invadere l’Ucraina

Da punizioni I paesi occidentali hanno annunciato martedì che a Putin non importerà molto, pensa l’ex capo della NATO De Hoop Scheffer. L’Europa e l’America vogliono attaccare finanziariamente le banche, le aziende e le persone russe intorno al Cremlino, tagliandole fuori dal denaro occidentale, per esempio. La Germania ha annunciato che per il momento non metterà in servizio il gasdotto Nord Stream 2 tra Russia e Germania.

“Temo che le sanzioni non aiuteranno molto. E anche la chiusura del Nord Stream 2 danneggerà noi. La Russia sta già manipolando il prezzo del gas”.

Dal 2014, dopo l’annessione della Crimea, l’Occidente ha imposto pesanti sanzioni ai russi. Come il congelamento dei beni, i divieti d’ingresso, il divieto di importazione di merci dalla Crimea e le sanzioni contro settori specifici.

Queste sanzioni hanno scarso effetto, secondo questo imprenditore che aiuta le aziende olandesi in Russia:

Le sanzioni complicano gli affari e spingono più russi al di sotto della soglia di povertà

Gli storici sottolineano anche che le sanzioni di solito hanno scarso effetto e possono persino ritorcersi contro poiché l’avversario spesso si vendica più forte. Minacciare sanzioni spesso paga di più. “In generale, le sanzioni più efficaci sono sanzioni che non devi mai istituire”, ha detto il professore di storia internazionale Nicholas Mulder. recentemente in tempo di notizie

Mulder ha scritto un libro sull’efficacia delle sanzioni. Le sanzioni che l’Occidente aveva già imposto negli ultimi anni hanno fatto poco per cambiare gli atteggiamenti, dice anche. “La stessa Russia ha preso provvedimenti per compensare l’effetto delle sanzioni”.

Eppure le sanzioni sono ormai l’unica opzione “se si vuole tenere aperto il canale diplomatico”, dice De Hoop Scheffer. Secondo lui, la diplomazia ha ancora una possibilità “marginale”. “Se non vuoi la guerra, hai ancora questa.”

READ  Le FAQ di Repubblica: risposte alle domande dei lettori sulle seconde case, sui viaggi all'estero e su quanto si può stare insieme a Pasqua e Pasquetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *