Un pianeta ha scoperto dove potrebbero piovere “pietre preziose liquide”

Questa la conclusione di uno studio di 12 astronomi pubblicato in astronomia naturale

WASP-121b sono gli scienziati un’Giove caldo‘, una classe di giganti gassosi che assomigliano a Giove ma sono molto vicini alla loro stella. Il pianeta è così vicino alla sua stella che ci vogliono solo 30 ore per orbitare. A causa di questa breve distanza, le temperature sul lato giorno salgono a circa 3000 gradi Celsius.

A causa della distanza molto breve, WASP-121b ha anche una rotazione sincrona, il che significa che lo stesso lato è sempre rivolto verso la stella. Ciò garantisce che il lato rivolto verso il sole sia molto più caldo del lato notturno. A causa di questa enorme differenza di temperatura, sul pianeta si verificano molti strani fenomeni meteorologici.

Nuvole metalliche

Poiché il lato diurno è sempre rivolto verso il sole, fa così caldo che anche i metalli come il ferro e il cromo evaporano. Il vapore acqueo non sopravvive alle alte temperature e si scompone in atomi di idrogeno e ossigeno.

Non appena questi atomi finiscono sul lato notturno, si combinano per formare nuovamente acqua. Tuttavia, fa ancora troppo caldo lì per formare nuvole d’acqua. Ma ciò non significa che non ci siano nuvole sul pianeta. Da nuovo studio ora sembra che i metalli nell’atmosfera del lato notturno possano condensarsi in nubi metalliche.

La scoperta più notevole fatta dagli scienziati è che l’atmosfera è priva di alluminio e titanio. Secondo gli autori dello studio, una possibile spiegazione di ciò è che queste sostanze condensano sul lato notturno corindone, di cui sono fatti zaffiri e rubini. Ciò significa che potrebbe piovere Gemme Liquide sul pianeta.

READ  Nacon annuncia GreedFall 2 e WRC Generations - Gaming - News

A breve maggiori informazioni

Gli scienziati hanno utilizzato le informazioni ottenute dal Hubble– telescopio spaziale. Gli scienziati hanno osservato il pianeta per due orbite complete (60 ore). Per misurare le sostanze presenti nell’atmosfera, hanno confrontato l’evoluzione dello spettro luminoso emesso dal pianeta.

Tuttavia, c’è ancora molto da imparare sul pianeta, significare Gli scienziati. Per questo motivo, vorrebbero rivedere il WASP-121b con il James Webb, il nuovo telescopio spaziale dopo Hubble. Secondo l’autore principale Thomas Mikal-Evans, il team vuole farlo entro il primo anno dalla messa in servizio di James Webb.

Successore di Hubble

Il James Webb Space Telescope è stato lanciato il giorno di Natale dell’anno scorso e da allora ha percorso circa 1,6 milioni di chilometri. Ora che il telescopio è alzato la destinazione finale è arrivata è iniziato il processo semestrale di adeguamento. Una volta completato questo processo all’inizio dell’estate, il telescopio sarà pronto per il pieno funzionamento.

Sebbene scienziati come Mikal-Evans possano usare il telescopio per osservare pianeti e stelle, ha una missione primaria diversa. L’obiettivo di James Webb è scoprire che aspetto aveva l’universo quando era molto giovane. Inoltre, ci saranno 13,7 miliardi di anni nel passato guardare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *