Quattro agenti statunitensi sono stati perseguiti per il loro ruolo nella morte di Breonna Taylor NOW

Gli Stati Uniti perseguiranno quattro agenti per il loro coinvolgimento nella morte di Breonna Taylor, una donna di colore che è stata uccisa a colpi di arma da fuoco in un raid nella sua casa nel 2020. notizie della BBC Giovedì.

I quattro sono stati arrestati e successivamente perseguiti per il loro coinvolgimento nella fatale sparatoria del marzo 2020.

La 26enne operaia ospedaliera è stata uccisa a colpi di arma da fuoco durante un raid notturno della polizia nella sua casa nella città americana di Louisville.

Taylor stava dormendo quando gli agenti sono entrati a casa sua senza preavviso. Gli agenti hanno emesso un mandato di perquisizione a seguito di un’indagine sulla droga. L’amico di Taylor ha sparato un colpo, pensando che gli agenti fossero ladri. Gli agenti in borghese hanno risposto con un totale di 32 colpi. Taylor è stato colpito da diversi proiettili.

Tre ufficiali erano già stati licenziati per i loro ruoli nella morte di Taylor. Uno di loro è stato accusato e perseguito per aver sparato a una finestra e a una porta scorrevole senza sapere chi c’era dietro. In tal modo, avrebbe sconsideratamente messo in pericolo vite umane.

La morte di Taylor e di altri neri americani a causa della brutalità della polizia ha scatenato grandi proteste nel 2020 sotto il nome di Black Lives Matter. Massive manifestazioni contro il razzismo sono state organizzate anche in molti altri paesi, compresi i Paesi Bassi.

READ  Un missile cinese effettua un atterraggio incontrollato nell'Oceano Indiano | Tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.