Questi imprenditori in Ucraina improvvisamente non fanno più affari, ma offrono il loro aiuto

Questi imprenditori in Ucraina improvvisamente non fanno più affari, ma offrono il loro aiuto

Bas Godska e sua moglie ucraina Kseniya erano nei Paesi Bassi per affari quando la Russia invase l’Ucraina. L’imprenditore IT olandese vive nel paese di origine della sua famiglia dal 2013.

“Abbiamo immediatamente iniziato a portare in salvo amici e parenti da qui”, afferma Godska. È nata rapidamente una fondazione. “Ci siamo scrollati di dosso il boom della rete per raccogliere fondi nella comunità imprenditoriale olandese”.

Ha funzionato. Imprenditori rinomati come Willem Sijthoff e Barend Raaff si sono impegnati nella fondazione. Con il denaro raccolto, Godska ora sostiene 700 rifugiati. “Stiamo organizzando famiglie ospitanti, per pochi soldi, vestiti per i primi due mesi qui. Dopo di che, presumiamo che siano iniziati gli aiuti del governo”. La fondazione invia anche medicinali. A titolo personale, Godska ha anche acquistato una serie di giubbotti antiproiettile per proteggere i conoscenti in Ucraina.

“Ho trasferito le attività del mio fondo di investimento ai colleghi”, spiega Godska. Tutto il tempo va alle fondamenta. Non pagato, disse. “Quello che perdo non conta più. L’intera dimensione del denaro non conta più. Un giubbotto antiproiettile può salvare una vita umana, a prescindere dal costo di 1000 euro?”

READ  L'Ucraina si aspetta nuovi colloqui di agosto, indagine sui crimini di guerra | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *