Questi pappagalli possono fare un trucco molto intelligente che quasi nessun altro animale può fare.

Questi pappagalli possono fare un trucco molto intelligente che quasi nessun altro animale può fare.

Cosa hanno in comune grandi scimmie, piccioni e pappagalli? Non molto si potrebbe pensare a prima vista, ma condividono una cosa importante in comune: possono classificare. E non sapevamo ancora di quei pappagalli.

Categorizzare significa che gli animali – o gli esseri umani, se preferite – possono distinguere tra due oggetti: per esempio, sanno sempre indicare le arance quando devono scegliere tra arance e banane. In questo caso, kea, una specie di pappagallo neozelandese, è riuscito a scegliere tra due immagini l’immagine del volto che conosceva o che non conosceva. Un’abilità che finora è stata dimostrata solo in pochissime specie animali. “Ci sono ancora pochissimi studi che lo hanno testato su animali da laboratorio e nessuno ha esaminato i pappagalli”, afferma la ricercatrice austriaca Elisabeth Suwandschieff in una conversazione con Scientias.nl.

Fare una foto
Lo scienziato di Università di Medicina Veterinaria di Vienna dimmi come la ricerca è entrato nel suo lavoro: “Per questo esperimento, abbiamo addestrato dodici pappagalli kea a beccare una delle due immagini mostrate loro su un touch screen con i loro becchi. Per ogni risposta corretta, hanno ricevuto un pezzo di nocciolina. Le foto delle persone sono state scattate da diverse angolazioni, a volte dall’alto, a volte di lato. Una foto era sempre di qualcuno con cui il kea aveva avuto stretti contatti negli ultimi cinque anni, mentre l’altra foto era di qualcuno completamente sconosciuto. La metà degli animali è stata premiata per aver scelto una persona conosciuta, l’altra metà per aver scelto una persona sconosciuta. Entrambi i gruppi probabilmente usavano la persona famosa come fattore decisivo.

Anche il gruppo di controllo questa volta ha avuto un compito importante. “Hanno visto le stesse foto di volti umani e sono stati premiati per aver scelto foto specifiche”. Tuttavia, queste non erano persone conosciute o sconosciute, ma un misto di entrambi. “Era quindi impossibile per il gruppo di controllo applicare il concetto di familiarità per fare una scelta tra i volti che vedevano”.

Sempre più immagini
Ma l’esperienza non si è fermata qui. “Aggiungendo al test sempre più foto di nuove persone conosciute e sconosciute, siamo stati in grado di vedere se il gruppo di test era in grado di applicare questo concetto. E indovina un po’: questo gruppo è stato davvero più veloce nel risolvere il compito se sono state aggiunte più foto. Ciò indica che i pappagalli sono stati in grado di utilizzare il concetto di volti familiari e non familiari. Il gruppo di test potrebbe fare immediatamente la scelta giusta, perché potrebbe immediatamente collegare le nuove foto a volti noti e sconosciuti. Il gruppo di controllo ha dovuto imparare di nuovo i nuovi individui in modo specifico, ma notevole: nella seconda sessione anche questi uccelli sono riusciti a scegliere le foto giuste, il che dimostra che il gruppo di controllo ha già compreso il compito così bene che è stato sufficiente vedere le immagini una volta .

READ  In "Road to Tokyo" di Gianmarco Tamberi c'è anche la Romagna

Stessa prova, premio diverso
“Abbiamo fatto la stessa cosa nell’ultimo test: abbiamo aggiunto una serie di nuove immagini e i pappagalli dovevano distinguere tra volti familiari e non familiari”, aggiunge il ricercatore Raoul Schwing dell’Università di Vienna. “Tutto è rimasto invariato per il gruppo di controllo, ma abbiamo cambiato la ricompensa per il gruppo di prova. Se una metà veniva prima premiata per aver scelto il volto sconosciuto, ora riceveva una ricompensa per aver scelto correttamente il volto familiare. Ed era vero il contrario per l’altra metà. Pochi uccelli sono riusciti a capirlo, ma alcuni ci sono riusciti. E questo è molto intelligente, perché la maggior parte degli animali in generale non è in grado di applicare più d una regola alla volta. I pappagalli ci sono riusciti: per le nuove foto sono stati mostrati , hanno applicato la nuova regola – sono stati premiati per aver selezionato la foto conosciuta – e per le vecchie foto hanno usato la vecchia regola – hanno scelto la foto sconosciuta”.

La specie di pappagallo neozelandese Kea. Foto: Brad Grove

Non è stato facile per i pappagalli. “Per garantire che le foto fossero il più simili possibile, tutti avevano un lenzuolo bianco intorno al collo e al busto. È stato anche chiesto loro di apparire neutrali. In questo modo il kea non poteva usare altri segnali per svolgere il suo compito, come un motivo su una maglietta. Avevano solo le informazioni facciali per fare la loro scelta”, ha detto Suwandschieff.

belle teste
Il fatto che i pappagalli siano riusciti a farlo è un risultato importante. Ciò significa che di tutti i segnali che gli animali usano per distinguere gli individui, bastano solo le informazioni facciali. Possono quindi utilizzare questo concetto di familiarità per risolvere un compito in cui esistono due categorie. Questo mette i pappagalli nella stessa lega delle grandi scimmie e dei piccioni che hanno già dimostrato di poterlo fare. “I pappagalli stanno dimostrando di essere capaci delle stesse cose dei nostri parenti più stretti. Questo è notevole considerando la distanza filogenetica tra le due specie animali”, dice con ammirazione.

READ  L'equipaggio intrappolato nella stazione spaziale ISS può tirare un sospiro di sollievo: la capsula spaziale è arrivata

Libero come un uccello
Infine, c’è anche un’applicazione pratica per gli animali stessi. “I risultati mostrano chiaramente che i pappagalli in una situazione di laboratorio possono adattarsi in modo flessibile al loro ambiente, sviluppando così la capacità di discriminare tra gli umani. Un’abilità che non è mai stata necessaria e quindi mai sviluppata nel D’altra parte, questa capacità ha implicazioni anche per benessere degli animali e dovrebbe quindi essere preso in considerazione durante il commercio e l’allevamento di pappagalli”, afferma Suwandschieff. nelle gabbie di laboratorio durante l’esperimento, ma sono stati in grado di volare liberamente all’aperto in una voliera di oltre 500 metri quadrati.

Kea. Foto: Osting

Ma perché i ricercatori hanno scelto i pappagalli kea? “Sono uccelli davvero eccezionali. Hanno strutture sociali complesse, sono raccoglitori di cibo opportunisti e amano molto le novità. Tutte queste proprietà lo rendono una specie molto adatta per testare il comportamento flessibile, l’intelligenza tecnica e sociale e la capacità di risolvere i problemi.

Non riconoscere
I ricercatori ci tengono a sottolineare che non hanno indagato se gli animali riconoscono effettivamente le persone che conoscono come quel guardiano, per esempio. Hanno solo verificato se gli animali potessero o meno distinguere i volti familiari da quelli sconosciuti. “Stiamo essenzialmente testando la capacità dei pappagalli di classificare a un livello superiore. Il fatto che abbiamo usato foto di persone conosciute e sconosciute non è in realtà la cosa più importante. Avremmo anche potuto utilizzare foto di diversi frutti gialli o arancioni”, spiega il ricercatore Raoul Schwing.

Spiega: “La nostra scelta delle foto dei volti ha solo reso tutto più complesso. Abbiamo dimostrato che i pappagalli sono in grado di raggruppare diverse foto della stessa persona. Pertanto, gli animali potrebbero associare foto scattate da diverse angolazioni con la stessa persona. “Ma dobbiamo stare attenti quando parliamo di riconoscimento. Hanno riconosciuto volti familiari, ma tecnicamente non è quello che abbiamo mostrato. Quello che abbiamo mostrato è che potevano usare le foto di volti familiari come un modo per classificarli. Tuttavia, vediamo prove nel modo in cui i kea interagivano con certe persone e rispondevano a coloro che si avvicinavano a loro che riconoscevano persone diverse.

READ  Le versioni Xbox e PC di Persona 5 Royal ottengono tutti i DLC inclusi gratuitamente – Giochi – Novità

studente veloce
“Ma il fatto che gli animali possano classificare è già estremamente affascinante”, afferma Suwandschieff. E l’ultima prova è stata ovviamente molto particolare: gli animali hanno dovuto capire che non era la scelta del volto familiare a dare una nocciolina, ma la foto sconosciuta. “Gli animali potrebbero applicare lo stesso concetto, invertendo la ricompensa. È stato molto sorprendente che abbia funzionato, soprattutto considerando la rapidità con cui i pappagalli kea hanno imparato il trucco.

Ora che i pappagalli hanno dimostrato di cosa sono capaci, i ricercatori vogliono fare molti più test. “È interessante vedere davvero se gli animali riconoscono le persone. Ciò richiede una diversa configurazione del test con più stimoli, come foto di persone combinate con le loro voci. Ma ora sto ricercando le capacità di apprendimento sociale di kea, un’altra affascinante area di ricerca. In definitiva, sappiamo ancora molto poco su molte specie, quindi c’è ancora molta ricerca da fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *