questo è il primo caso in Italia – Corriere.it

a partire dal Giuseppe Sciscia

Lo spettacolo, contrario ai vaccini per motivi religiosi, sarà rappresentato in Polonia al Legia Varsavia

No vax per convinzione religiosa, al punto da dover lasciare l’Italia e trasferirsi in una nazione con regole anti-Covid più permissive. Roberto Johnson, La guardia americana dell’Acqua San Bernardo Cant militante in Serie A2, ha rifiutato fino alla fine l’obbligo di farlo Ottimo passaggio verde per vaccinati e guariti, che regola dal 10 gennaio l’accesso agli impianti sportivi, negandone l’utilizzo ai non vaccinati. La fede religiosa del giocatore era (secondo lui) non conciliabile con i vaccini, secondo ipotetiche convinzioni che negli Stati Uniti hanno causato un alto numero di richieste di esenzione per motivi religiosi (spesso poco chiari). Ovviamente non previsto dalla normativa italiana; pertanto il club brianzolo, che nell’estate del 2021 aveva investito la maggior parte del proprio budget nel giocatore, è stato costretto a far scattare la clausola risolutiva prevista in contratto in caso di impossibilità a proseguire l’attività agonistica per causa di cambiamento. di anti Covid.

Le convinzioni no vax di Johnson erano note al momento della firma, ma nell’estate del 2021 il quadro normativo era meno rigido. Il Super Green Pass obbligatorio dalla scorsa settimana metti Cant e Johnson ad un bivio: o il giocatore era vaccinato, oppure non poteva più giocare ad allenamenti e partire, oltre a seguire la squadra ospite poiché non è più consentito l’accesso ad hotel, ristoranti e mezzi pubblici ai non vaccinati. A livello normativo la pallacanestro non necessita di vaccinazione, al punto che tra i professionisti di serie A, atleti e tecnici No Vax possono continuare l’attività grazie al monitoraggio costante a campionatura (ogni 48 ore così veloci o 72 così molecolari). Lo status amatoriale della serie A2 ha invece chiuso ogni spazio di manovra alla società e al giocatore. Una volta innescata la fuga per porre fine alla relazione con Johnson, il giocatore ha sposato al Legia Varsavia in Polonia, paese dove non esistono restrizioni all’attività competitiva di No Vax. Per Cant c’è la vergogna di aver perso il suo miglior giocatore (Johnson viaggiava a 19, 7 punti e 4,1 assist di media), ma questo non è l’unico caso della serie A2 di basket. Una situazione simile esiste a Forl dove il giocatore americano Kenny Hayes non vaccinato e non può più andare in campo; l’esterno del 1987, nell’estate del 2021 aveva firmato un contratto biennale, ora pronto a intraprendere azioni legali contro il club.

READ  Simone Biles, anche il peso di un dramma familiare

19 gennaio 2022 (modifica 19 gennaio 2022 | 19:04)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.