Questo è stato notato nell’episodio Undercover nei Paesi Bassi nella fattoria di cura Aurora Borealis a Wedde

Questo è stato notato nell’episodio Undercover nei Paesi Bassi nella fattoria di cura Aurora Borealis a Wedde

Per anni nella fattoria Aurora Borealis di Wedde sono successe cose che non sopportavano la luce del giorno. Alberto Stegeman lo ha portato alla luce domenica sera nella prima trasmissione di un dittico di Undercover nei Paesi Bassi sugli abusi nelle fattorie. Cosa risalta di più? I sospetti Michel K. e Paul W. sono i principali responsabili degli attentati e hanno condotto un vero e proprio regno del terrore.

I residenti disabili sono stati molestati, umiliati e maltrattati mentalmente e fisicamente. Sei persone sono state arrestate. Dall’episodio di Sotto copertura nei Paesi Bassi mostra che due sospetti sono in particolare responsabili degli abusi nella fattoria di cura. Sono i datori di lavoro Michel K. e suo suocero Paul W.

Ex dipendenti anonimi delineano atrocità senza precedenti

Michel K. si occupava quotidianamente della fattoria di cura, suo suocero Paul W. lo assisteva. “Secondo ex dipendenti, Michel e Paul sono due sadici che gestiscono la struttura di assistenza con il pugno di ferro”, dice Stegeman dei due principali sospettati degli abusi. “Loro, insieme ad altri dipendenti, renderebbero la vita un inferno ai clienti spaventati e indifesi”.

Il collega di Stegeman, che si nasconde nella fattoria di cura sotto lo pseudonimo di ‘Linda’, vede che il tono è rapidamente impostato durante il colloquio di lavoro con Michel K.. “I clienti ti vedono come un servitore, e nove volte su dieci cerchi di fare capiscono che non funziona così”, gli ha detto Michel K. in camera nascosta.

“Lo ha raccontato in profumi e colori”

“Il modo in cui il capo dell’assistenza Michel sta già parlando dei residenti è scioccante e non fa ben sperare”, ha detto Stegeman.

READ  è così che lo hanno soprannominato parlando di Manuel: Funweek

Un’ex dipendente racconta di come il sospetto Michel K. l’abbia portata in giro il suo primo giorno di lavoro. ,, Poi ha detto che se erano noiosi o non volevano dormire la notte, venivano cacciati a dormire lì, anche d’inverno. Lo ha raccontato con profumi e colori. Come se fosse convinto che quello fosse il modo di trattare con i clienti”.

Secondo quanto riferito, Michel K. ha anche colpito i clienti in faccia con il pugno se non gli piaceva qualcosa. ,,Sono rimasta in un terribile shock quando ho sentito tutto questo.” Dopo un giorno, ha lasciato il suo lavoro alla fattoria di cura.

Un altro ex dipendente, che ha lavorato lì per tre mesi, dipinge un quadro simile. ,,Non appena Michel o Paul entrano, iniziano le urla e i clienti diventano molto agitati. Questo dice basta.”

I geni del male dietro il regno del terrore

Michel K. e il suo patrigno Paul W. sembrano essere responsabili del regno del terrore nella fattoria nell’episodio. Perché Paul W. è anche caratterizzato dalla crudeltà. Maneggia un deambulatore appartenente a uno dei clienti e rimuove la sella. Di conseguenza, il cliente non può sostenersi, poiché si ferisce l’inguine sulla barra appuntita.

“Lascia che un residente con disabilità multiple soffra a causa dei suoni che emette e divertiti anche a farlo. Non è una preoccupazione, è puro sadismo”, ha detto Stegeman.

L’episodio mostra i dipendenti della fattoria di cura che assumono il comportamento sadico dei loro datori di lavoro. La telecamera nascosta mostra come un dipendente chiude a chiave un cliente in una stanza buia mentre grida e non ascolta. “Rilassati. Se gli dai spazio ora, hanno già vinto”.

READ  Non riconoscono Kanye West e insultano Emma per una foto con lui, lei si lascia sfuggire: "Sei la feccia di questo paese"

“Si caga sempre nei pantaloni, l’avevo disimparato”

Ma non si ferma al bullismo. Anche la violenza fisica non è evitata. Di un cliente che ha gli spasmi e che non può parlare, Michel K. dice: ,,Se lo schiaffeggi, lui sa dov’è il limite. Solo una pacca sulla testa se non sta ascoltando. Basta mettergli un pannolino sporco in testa. Si caga sempre nei pantaloni, gliel’ho insegnato io”.

Minaccia anche un cliente nel filmato. ,,Aspettare. Altrimenti gli insegnerò a sciacquarti”, ha detto Michel K. allo specializzando. “Pensaci, sì. E sai, puoi farlo attraverso qualsiasi buco tu abbia.”

Il patrigno Paul W. aggiunge: ,,E poi ti do un brief con un lucchetto e ingoio la chiave. Bastardo.” Poi Michel K. afferra il cliente per l’orecchio, che geme e sente visibilmente dolore.

Getto doccia freddo

Un altro cliente è chiuso in bagno e urla costantemente. “Se reagisci, lui è il capo. A volte reagiamo, ma in modo diverso”, dice Paul W., riferendosi agli abusi.

Un dipendente poi fa una rivelazione scioccante. “Anche la scorsa settimana alle otto meno un quarto urlava così stupidamente. Poi ho pensato: non voglio farlo, vero? L’ho tirato fuori dalla sedia a rotelle e l’ho messo nella vasca da bagno. Poi ha pensato che stava per urlare, quindi ci ho messo sopra lo spray freddo.

Sembra essere una punizione che viene usata più spesso. “Se qualcuno grida per 5 minuti, sono 5 minuti. Se urla per quindici minuti, allora deve fare una doccia fredda per quindici minuti”, ha detto uno degli ex dipendenti senza nome.

READ  PP23: Le regine dell'età della pietra invocano i morti

Lo stesso cliente a volte è stato messo in piedi per ore, quando in realtà può stare in piedi solo per 10 minuti. “A volte era così brutto che lo mettevi fuori combattimento e non riusciva nemmeno a stare in piedi. Si vedeva dal suo atteggiamento che stava davvero soffrendo”, dice l’ex dipendente.

Come sempre dentro Sotto copertura nei Paesi Bassi, Stegeman affronta i sospetti delle aggressioni davanti alla telecamera alla fine dell’episodio. “Li intimidisci, li intimidisci. Ti fa ridere? Questo è quello che fai. Anche le persone con disabilità sono persone. Trattali così”, ha detto. È visibilmente arrabbiato.

Sotto copertura nei Paesi Bassi

Undercover in the Netherlands è in televisione dal 2005. Nello spettacolo, il giornalista Alberto Stegeman e il suo team vanno sotto copertura per visitare aziende o persone che potrebbero fare qualcosa di illegale o vergognoso, con l’obiettivo di smascherarle. Il programma ha portato a numerosi arresti e condanne negli ultimi anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *