Rabbia per il passaggio dei delfini al “bagno di cloro nel deserto” |  Interno

Rabbia per il passaggio dei delfini al “bagno di cloro nel deserto” | Interno

L’organizzazione animale Animal Rights ha intentato una causa sull’isola per fermare il movimento, incluso un volo di venti ore. Quel caso è stato archiviato giovedì. “Speriamo che il giudice capisca che il trasferimento è molto dannoso per questi animali molto intelligenti”, ha detto la portavoce Anna Krijger.

Dalle paradisiache lagune del Seaquarium vicino a Willemstad, con escursioni in mare aperto, i delfini Machu, Serena, Sami, Mosa e Luna si trasferiranno in una piscina di cemento a Jeddah, in Arabia Saudita. I giovani animali si sarebbero già separati dagli altri delfini e si stanno preparando per il loro lungo viaggio.

Gli ex guardiani di delfini, che hanno lavorato loro stessi alla Dolphin Academy di Seaquarium, sono molto preoccupati per il futuro dei loro amati animali. “Naturalmente costruisci un legame con questi delfini nel corso degli anni”, afferma Zenzi Willems. “Poiché vivono in buone condizioni a Curaçao, li ho lasciati tranquilli. Ma non avevo considerato un bagno di cloro nel deserto.

A parte il lungo viaggio stressante, durante il quale i delfini devono essere mantenuti umidi, Willems non è nemmeno convinto delle buone condizioni di vita dei delfini in Arabia Saudita. “I delfini non odorano. La polvere e le tempeste di sabbia possono causare l’ingresso di funghi nei loro polmoni, che possono ucciderli. Si dice che diversi delfini siano morti nel recinto di Jeddah negli ultimi anni.

‘La soluzione’

Seaquarium ha il permesso del governo di Curaçao per l’esportazione. Nei media locali, un portavoce non confermerebbe la mossa pianificata. Ma la compagnia turistica dice che ci sono troppi delfini in questo momento. Si cercherebbe “una soluzione” per questo.

READ  Navalny arrestato al suo arrivo a Mosca 5 mesi dopo l'avvelenamento: "È a casa, non ho paura". Biden e i leader europei: "Deve essere rilasciato"

Prima di questa pubblicazione, non era possibile contattare Seaquarium.

Animal Rights non considera l’esportazione responsabile del benessere degli animali che hanno fatto la felicità di tanti turisti, tra cui molti olandesi.

Krijger: “L’habitat naturale dei delfini a Curaçao è di 40.000 metri cubi d’acqua. In Arabia Saudita sarà una cisterna di cemento di meno di 3000 metri cubi. Non possiamo farlo a questi animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *