Ragazzo (5) salvato vivo dalle macerie due giorni dopo il terremoto di Java | All’estero

Un bambino di cinque anni è stato estratto vivo dalle macerie più di due giorni dopo che il terremoto ha colpito l’isola indonesiana di Giava. Lo rende noto la locale stazione dei vigili del fuoco.

Azka, di cinque anni, era in gran parte illeso, poiché era protetto dalla caduta di sassi da un materasso. Era cosciente quando è stato estratto dalle macerie.

Secondo il personale medico, il ragazzo è debilitato perché non mangia né beve da due giorni.

La madre di Azka è morta a causa del terremoto. Non è stato ancora avvisato. Probabilmente sarà assistito dai parenti.

Java è stata colpita lunedì da un terremoto di magnitudo 5,6. Almeno 271 persone sono morte, mentre più di mille persone sono rimaste ferite. Tra le vittime molti bambini.

Decine di persone scomparse sono ancora ricercate. In precedenza, il servizio indonesiano di soccorso in caso di calamità ha affermato che più a lungo le persone scomparse non vengono trovate, minori sono le possibilità di sopravvivenza.

Il lavoro di soccorso nella regione montuosa è stato ostacolato da danni alle infrastrutture e interruzioni di corrente. Ci sono state anche oltre un centinaio di scosse di assestamento.

READ  Grecia, Malta, Spagna, Francia, Germania, Gb. Le regole, dal pass verde al Plf

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.