“Rasati e gettati in una cella fredda senza coperta né materasso”: tre giorni nel carcere di Tora, in Egitto

Mariam, benvenuto e bacia i ragazzi per me. Io amoÈ ora di fargli un sorriso tra le sbarre del furgone, parcheggiata all’esterno dell’edificio che ospita il Procuratore del Cairo e il veicolo sbanda. Mariam è la moglie di Gasser Abdel Razek, direttore diEipr, l’organizzazione del Cairo che si occupa di tutela dei diritti umani. Ieri mattina ha avuto a malapena il tempo di vederlo e sentire la frase gridata dal marito mentre il camion lo riportava in prigione in Torah, sezione Leman. Una scena straziante.

Gasser Abdel Razek ha trascorso gli ultimi tre giorni in isolamento nella terribile prigione alla periferia sud della capitale. Da quando le forze di sicurezza lo hanno portato via da casa sua venerdì scorso, era praticamente scomparso. Abdel ieri Razek, un caro amico di Patrick Zaki |, lo studente egiziano che ha seguito il corso Erasmus all’Università di Bologna, arrestato il 7 febbraio di ritorno nel suo Paese e rinchiuso Torah, è comparso davanti al procuratore del Cairo per l’udienza rituale. In pochi secondi è stato in grado di parlare con il suo avvocato, Abdel Razek ha raccontato in una parola cosa gli era successo nelle 72 ore precedenti. Sono appena entrato prigione hanno confiscato tutto il suo Oggetti personali, preso io argento aveva in tasca e poi si sono rasati il capelli. Gettato in una cella fredda, in totale isolamento, Abdel Razek ha passato le ultime tre notti su un letto con solo una struttura di ferro, senza materasso, figuriamoci una coperta o un cuscino.

Temperature in questo periodo dell’anno a Cairo possono andare ben sotto i 10 ° e le celle di una prigione come quella di Torah aumentano ulteriormente la percezione del freddo. Insomma, il direttore delEipr ha subito lo stesso trattamento che potrebbe essere riservato a una persona pericolosa terrorista, un jihadista dell’ISIS o un mercenario di Boko Haram. E infatti tra le assurde accuse denunciate dalla sicurezza nazionale di averlo portato lontano dalla sua casa nel distretto di Maadi e ai suoi affetti familiari c’è anche quello di aver favorito attività terroristiche.

READ  Usa 2020, nient'altro che oblio: Trump ha ospitato un plebiscito. E ora c'è il rischio della `` berlusconizzazione ''

Ieri mattina davanti al giudice Procuratore del Cairo erano attesi anche gli altri due membri dell’Iniziativa egiziana per i diritti personali (Eipr), arrestati domenica e mercoledì scorsi e inclusi anche nel caso 855. Mohamed bashir e Karim Ennarah, rispettivamente il direttore amministrativo e il capo del settore della giustizia penale dell’organizzazione. Alla fine, davanti al giudice per la conferma della detenzione è solo finita Abdel Razek che, come altri colleghi, inizierà il lungo e travagliato processo di periodici rinnovi.

Con l’alta dirigenza di Eipr fuori dal gioco Patrick Zaki | nella sua cella per quasi dieci mesi, l’attivista e fondatore della ONG, Hossam Bahgat, ha preso in mano le redini: “Dall’alba di venerdì Gasser è stato mantenuto intollerabile. I responsabili di tali violazioni ne pagheranno il prezzo ”, ha commentato. Bahgat. Ricordiamo che l’arresto dei tre dirigenti di Eipr è strettamente legato all’incontro avvenuto il 3 novembre presso la sede dell’organizzazione, Città giardino, Al Cairo. All’incontro hanno partecipato i massimi rappresentanti diplomatici di 13 Paesi, compreso l’Ambasciatore italiano Giampaolo Cantini. Il tema centrale dell’incontro è stato il rispetto dei diritti umani Egitto. La settimana scorsa, Farnesina ha inviato una lettera controfirmata da altri diplomazia, per chiedere al governo egiziano un resoconto del caso. Rimani sempre in tema, ieri lì Tribunale penale del Cairo meridionale ha deciso di includere blogger e attivista Alaa Abdel Fattah, L’avvocato Mohamed al-Baker, medico Abdel Moneim Fotouh e altri negli elenchi di entità terroristiche per un periodo di cinque anni. Oltre a stare in prigione e tutto il resto, i loro beni saranno congelati da oggi e non potranno lasciare il paese in futuro.

READ  "Il virus? In pizzeria" E con una bugia manda in serrata 1,7 milioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *