Il successo della Russia a Grozny e Aleppo non è di buon auspicio per l’Ucraina

Il successo della Russia a Grozny e Aleppo non è di buon auspicio per l’Ucraina

Il medico siriano Mohammed Abrash (60 anni) è meno scioccato dalle azioni russe in Ucraina rispetto a molti europei. “La Russia ora sta facendo esattamente lo stesso che in Siria”, ha detto al telefono dalla città di ad-Dana nella provincia di Idlib. “ Bombardare gli ospedali, uccidere i civili. È una tattica.

Abrash lavora a Idlib dal 2015. Per anni ha operato sotto le bombe. I colleghi morivano davanti ai suoi occhi, i bambini tra le sue braccia. Durante l’ultima grande offensiva sulla sola Idlib, nell’inverno 2019-2020, il regime di Assad e il suo alleato, la Russia, hanno bombardato più di 45 ospedali e cliniche, secondo Abrash. “Hanno le posizioni GPS. Mirano deliberatamente.

Perché la Russia commette questi crimini di guerra? Abrash ride cinicamente. “È molto semplice, davvero molto semplice. Se si bombardano gli ospedali, i feriti non possono più essere curati. I soldati non possono più combattere, i civili hanno paura. Tutti sono in fuga. Quindi puoi prendere un’area molto più facilmente.

Mariupol circondato

L’esercito ucraino resiste da più di due settimane nella città portuale meridionale di Mariupol, ma il prezzo è terribilmente alto. Secondo i dati (non verificabili) del consiglio comunale, sono già morti 1.600 civili. Decine di morti sono sepolte in un precipizio creato tra i bombardamenti fossa comune† Sabato le truppe russe hanno bombardato una moschea dove si nascondevano i civili, compresi i bambini. Un giornalista dell’agenzia di stampa AP ha visto come i carri armati hanno bombardato un edificio e come i cecchini hanno sparato contro un gruppo di operatori ospedalieri.

Sembra che anche il reparto maternità distrutto sia stato deliberatamente colpito. Il ministro degli Esteri russo Lavrov, almeno, non lo ha negato quando in seguito ha affermato che l’edificio fungeva da base per i combattenti ucraini “radicali” e non era più utilizzato come ospedale. Ha respinto le denunce di vittime civili come “grida di pietà” da parte dei nemici della Russia. Non ha fornito alcuna spiegazione per le donne incinte che sono state estratte da sotto le macerie.

Mariupol è completamente circondato dalle truppe russe. I civili non possono andarsene, cibo e forniture mediche non possono entrare. Sembra che il presidente Putin stia cercando di costringere i difensori della città strategicamente importante alla resa picchiando i civili. La stessa cosa accade con Kharkov e Mykolaiv. Resta da vedere se sarà così anche a Kiev, dove i soldati russi sono entrati in periferia questo fine settimana.

READ  Ancora folla sulla strada a causa del traffico festivo

La Siria come banco di prova

La storia recente mostra fino a che punto Putin è disposto ad andare. In Siria ha distrutto città come Aleppo e bombardato così tanti ospedali che a pagina Wikipedia separata dedicato all’argomento. Durante i cinque giorni di invasione della Georgia nel 2008, l’esercito russo ha anche bombardato obiettivi civili. E anche prima, nel 2000, quando Putin era appena salito al potere, ha riconquistato la capitale cecena Grozny dai ribelli e vi ha installato il leader della milizia Akhmad Kadyrov. I combattenti ceceni stanno ora aiutando i russi in Ucraina.

“C’è una linea retta da Grozny attraverso la Georgia e la Siria all’Ucraina”, ha detto l’ex diplomatico statunitense Wa’el Alzayat. Era un consigliere politico del rappresentante del presidente Obama alle Nazioni Unite, Samantha Power, e all’epoca chiedeva un’azione più forte contro le azioni della Russia in Siria. “Putin ha testato molte delle tattiche in Siria che vediamo oggi, dal bombardamento dei civili alla diffusione della disinformazione. Il nostro mancato intervento in quel momento ha assicurato che Putin continuasse sulla stessa strada.

Muro degli autobus urbani

La guerra urbana è schematicamente più difficile per l’attaccante che per il difensore. Secondo una stima, ci vorrebbero cinque attaccanti per difensore, secondo gli altri dieci. I difensori conoscono la città, si nascondono negli edifici, possono erigere barricate di ogni tipo (pensa al muro degli autobus urbani di Aleppo) e trappole posare. Prendere una città del genere si riduce rapidamente a combattimenti porta a porta. L’esercito russo non è bravo in questo.

Ciò era evidente, ad esempio, a Grozny nel dicembre 1999. I soldati russi avevano circondato la città e volevano affrontarla con un’offensiva di terra. Tuttavia, la colonna su cui stavano cavalcando divenne previsto da migliaia di combattenti ceceni armati di pistole e lanciarazzi. Dopo tre ore, piazza Minutka era disseminata di cadaveri russi e di veicoli blindati bruciati, segnalato Agenzia di stampa Reuters.

In piazza Minutka a Grozny, una feroce battaglia ha contrapposto soldati russi contro combattenti ceceni.
Foto Magnum

La risposta russa è stata lanciata da razzi e bombardamenti per settimane, fino a quando Grozny è stato raso al suolo e almeno 5.000 civili sono morti. La Russia si era sentita libera di usare la violenza su questa scala. Dopotutto, aveva dato ai cittadini l’opportunità di lasciare la città attraverso un corridoio umanitario, ma non tutti i residenti hanno osato fuggire. Chiunque fosse rimasto indietro si era dichiarato nemico, era un ragionamento russo, ed era “un terrorista musulmano”.

Non provare paura. Se muori, non importa, è il tuo destino. Ma continua a combattere e vincerai, perché sei nei tuoi diritti.

L’uso improprio dei corridoi umanitari si è verificato anche intorno ad Aleppo in Siria nel 2016. Cittadini che utilizzano queste rotte Usato uscì nel territorio che era nelle mani di Assad. Continuare a combattere ha reso impossibile la fuga. E poi si sono rivelate principalmente per poter effettuare un pesante attacco alla città in seguito, non per aiutare le persone bisognose. Si stima che più di 1.600 civili siano stati uccisi nei successivi bombardamenti.

READ  Russia, la vita (pubblicissima) delle figlie segrete di Putin - Corriere.it

Lo stesso sta accadendo da più di una settimana con i corridoi che la Russia dice di offrire a Mariupol e in altre città ucraine. Ci sono sempre nuove promesse di cessate il fuoco infrante. I convogli di aiuti sono sotto tiro e devono tornare indietro. E c’è paura tra la gente del posto che stare in città significhi che presto sarai annoverato tra i nemici.

“Quando i russi incontrano resistenza, usano tattiche barbariche”, ha detto Alzayat. “Poi bombardano le città per uccidere e scacciare le persone. Possono accontentarsi di spazzare via un intero paese se non riescono a vincere in modo più pacifico. Chiamatela regola di Grozny: c’è una linea continua nella strategia e in noi [westers] incapacità di fermare Putin.

“Volontari” e armi biologiche

Due sviluppi degli ultimi giorni indicano una possibile ulteriore escalation russa. Putin ha invitato combattenti provenienti dalla Siria e da altri paesi del Medio Oriente a unirsi al suo esercito come “volontari” in Ucraina. Un ulteriore vantaggio di questi mercenari per Putin è che può tenerli fuori dalle statistiche ufficiali sulla morte, che potrebbero essere importanti per il sostegno nazionale alla sua guerra. Secondo Ministro della Difesa Shoigu aveva già “oltre 16.000 denunciati”. Non è chiaro quanto sia realistico, ma non sarebbe la prima volta: la Russia ha anche schierato combattenti siriani pro-regime in Libia.

E poi c’è il gioco dei fantasmi sulle armi biologiche. Venerdì, la Russia ha chiamato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite perché gli Stati Uniti sarebbero coinvolti nella produzione di armi biologiche in Ucraina. Non ha fornito prove. L’ambasciatore americano alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha avvertito che la Russia sta “inventando” accuse per giustificare attacchi ai civili. Secondo gli Stati Uniti, c’è motivo di temere che la stessa Russia possa utilizzare armi chimiche o biologiche, cosa vietata dal diritto internazionale. Anche gli Stati Uniti non hanno fornito prove.

READ  inevitabile quarta ondata, parola di Fauci e BofA (e Wall Street lo sa)

Putin conosce bene queste armi: è accusato di aver avvelenato il leader dell’opposizione Navalny (con l’agente nervino novichok), l’ex agente del KGB Litvinenko (polonio) e l’ex presidente ucraino Viktor Yushchenko (diossina). In Siria, l’uso di armi chimiche contro i civili è stato accusato del regime di Assad, ma la Russia ha fatto di tutto per contrastare le indagini sui crimini di guerra del suo alleato.

Intanto continua l’avanzata russa verso Kiev. Sabato, l’Ucraina ha detto che sette donne e bambini sono stati uccisi in un attacco russo mentre fuggivano combattendo in un sobborgo della capitale.

“Se Putin non viene fermato militarmente, non si fermerà”, prevede Alzayat. Chiede maggiori aiuti militari all’Ucraina. Tra l’altro, l’intervento della Turchia contro il regime di Assad e i russi nel 2020, che ha posto fine alla loro offensiva su Idlib, mostra che è davvero possibile scoraggiare Putin militarmente. “Ma ovviamente le considerazioni sono diverse questa volta.”


da seguire gli ultimi sviluppi in Ucraina nel nostro blog live

Mohammed Abrash non ha certo aspettative sulla NATO. “In Siria Putin ci massacra da anni e il mondo non ha fatto nulla”.

Infastidisce anche il dottore che l’Europa mostri più compassione per gli ucraini che per i siriani. “Siamo musulmani e non abbiamo gli occhi azzurri”, dice sprezzante. Secondo lui, la gente di Idlib vede meno le differenze. Artisti locali hanno recentemente dipinto a Bandiera ucraina sulle rovine di una casa siriana che i russi hanno raso al suolo. “Stiamo vivendo lo stesso scenario. Sentiamo quello che sentono loro.

L’ospedale di maternità di Mariupul è stato colpito la scorsa settimana da bombardamenti russi.
Foto Evgeny Maloletka/AP

Abrash ha qualche consiglio per gli ucraini. “Possiamo insegnare loro a costruire ospedali sotterranei”, dice. “Ma la cosa più importante è: non mollare, sii fermo, non aver paura. Se muori, non importa, è il tuo destino. Ma continua a combattere e vincerai, perché sei nei tuoi diritti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *