Recensione ASUS ProArt PA32UCR-K – Tweaker

Recensione ASUS ProArt PA32UCR-K – Tweaker

In breve

Considerando il prezzo, ASUS ProArt PA32UCR-K ha alcune fantastiche funzionalità. Il monitor ips 4k da 32″ per l’editing delle immagini supporta AdobeRGB, Display P3 e sRGB, calibrazione hardware e colorimetro incluso e la possibilità di visualizzare correttamente il materiale HDR grazie alla retroilluminazione con attenuazione locale. È principalmente quest’ultima caratteristica che contraddistingue il PA32UCR -K a parte i monitor IPS di fascia alta concorrenti per l’editing delle immagini, che spesso mancano del (buon) supporto HDR.Il display SDR è eccellente, anche se una calibrazione solo per Display P3 aggiunge davvero qualcosa, poiché il display non è adeguatamente sintonizzato per questo da Un problema significativo è la forte deviazione del colore ad angolo, che non è l’ideale per lavori in cui il colore è critico.

Il mese scorso su Tweakers abbiamo esaminato tre schermi per l’editing delle immagini: monitor di lusso da 27 pollici con un prezzo compreso tra $ 1.200 e $ 1.500, con supporto per la calibrazione hardware e una gamma di colori AdobeRGB. Questo trio era quindi ampiamente adatto, con un’omissione importante: la capacità di visualizzare correttamente le sequenze HDR.

ASUS ci ha già inviato il suo ProArt PA32UCR-K con la release precedente, un monitor che costa all’incirca la stessa cifra, ma è compatibile con HDR. Il display da 32″ Euro 1300 ha una mini retroilluminazione a LED con 576 zone e una luminosità massima promessa di 1000cd/m². Come i monitor precedentemente testati, ha anche una risoluzione 4k, la gamma di colori include AdobeRGB oltre a Display P3 e sRGB , e è lo schermo ips adatto alla calibrazione hardware. A tale scopo la confezione contiene un Display X-Rite i1 Procolorimetro, in modo da poter regolare lo schermo in modo ottimale senza ulteriori investimenti.

ASUS ProArt PA32UCR-K

Le specifiche del PA32UCR-K sono simili a quelle del PA32UC-K, il modello di punta di ASUS di cinque anni fa nella serie ProArt. Fu allora uno dei primi monitor con oscuramento locale completo e vero HDR, anche se all’epoca non si parlava di una matrice di piccoli mini LED. Questi sono stati introdotti da ASUS solo nei successivi monitor ProArt, incluso il PA32UCX-PK del 2020. Rispetto al PA32UCR-K, questo display ha una luminosità di picco ancora più elevata, molte più aree di oscuramento (1152), supporto Thunderbolt e Dolby Vision HDR . L’attuale modello di punta, il PA32UCG-K, offre anche una frequenza di aggiornamento di 120Hz, FreeSync e HDMI 2.1.

READ  Svezia, dopo Kulusevski anche Svanberg positivo al Covid. Allerta Spagna: "Tutti i giocatori vaccinati"

Mentre il PA32UCX-PK costa non meno di tre volte tanto quanto il PA32UCR-K, paghi comunque oltre quattro volte tanto per il PA32UCG-K. Il PA32UCR-K viene quindi proposto ad un prezzo interessante, sia rispetto alla gamma ASUS che rispetto a monitor di altri brand.

Corpo e connessioni

Non solo le specifiche, ma anche il design dell’ASUS ProArt PA32UCR-K ha molte somiglianze con il PA32UC-K del 2018. Il pannello del PA32UCR-K ha lo stesso design senza bordi su tre lati e il cabinet è più o meno lo stesso spessore. Cioè: significativamente più spesso della maggior parte degli altri monitor, ma significativamente più sottile dei recenti modelli ProArt di fascia alta, ad esempio PA32UCX-PK e PA32UCG-K.

Con il PA32UCR-K, il retro ha la stessa forma curva con una finitura spazzolata dei suddetti display ASUS, ma in linea con il posizionamento più economico, altrimenti sembra più sobrio. Ad esempio, mancano accenti dorati come il logo ASUS estremamente lucido sul retro dello schermo e il PA32UCR-K ha una base più semplice. Si tratta di una colonna nera opaca più sottile, priva di rastremazione alla base, poggiante su una base rettangolare. Sebbene lo schermo possa inclinarsi, ruotare e essere regolato in altezza, non è possibile ruotare il monitor da sinistra a destra. Il paraluce incluso nei modelli più costosi non è incluso nella confezione del PA32UCR-K.

Rispetto ai monitor di imaging che abbiamo esaminato nella nostra precedente carrellata, il PA32UCR-K sembra moderno. La qualità costruttiva non sembra essere buona come quella della concorrenza. La plastica sul retro in particolare è sottile e suona vuota quando viene toccata. Il design del PA32UCR-K contiene ancora alcuni punti pratici di miglioramento. Ad esempio, la custodia non ha incavi per le dita per spostare facilmente lo schermo e un labbro di plastica ostacola le connessioni. Il joystick e i pulsanti per il funzionamento dell’OSD sono posizionati male sul retro del pannello, con il pulsante di accensione direttamente sotto i controlli, quindi selezioni rapidamente l’opzione sbagliata o spegni lo schermo durante la navigazione nel menu.

READ  SEGA rilascerà l'ottavo gioco Yakuza nel 2024 come Like a Dragon 8 - Gaming - News

Il PA32UCR-K ha ben cinque ingressi video: tre HDMI 2.0, una DisplayPort 1.2 e una porta USB-C. Quest’ultimo non è compatibile con Thunderbolt come PA32UCX-PK e PA32UC-K, ma supporta la modalità DisplayPort Alt, con 80 W di potenza per il tuo laptop. L’hub USB integrato è attivo anche attraverso la porta USB-C, con due porte USB-A da 5 Gbps e una porta USB-C da 5 Gbps. Sfortunatamente, sono tutti in un punto difficile da raggiungere accanto agli ingressi immagine. Lo schermo non ha una seconda porta USB a monte. Le caratteristiche audio includono un jack per cuffie da 3,5 mm e altoparlanti stereo integrati.

Osd

L’OSD del PA32UCR-K contiene più o meno le stesse funzionalità dei display ProArt menzionati in precedenza. Sono disponibili non meno di tredici preimpostazioni di colore, con una modalità Rec.2020 piuttosto notevole. La maggior parte dei display non ha una tale posizione perché non si avvicina a questa gamma di colori molto ampia, ma il PA32UCR-K sì, come discusso più avanti nell’articolo. Proprio come gli schermi di modifica delle immagini testati in precedenza, il PA32UCR-K ha un’opzione di compensazione dell’uniformità, che non va di pari passo con l’oscuramento locale e l’HDR con questo schermo. Il local dimming può essere utilizzato anche in SDR; il menu offre opzioni per la velocità di risposta della retroilluminazione, ma nessun controllo sul compromesso tra contrasto più elevato e transizioni più evidenti tra aree luminose e scure.

Vale la pena menzionare anche le funzioni descritte in modo criptico “Motion Sync” e “Ambient Effect”. Con quest’ultimo, viene attivato il sensore di luce, in modo che lo schermo possa adattare la sua luminosità alla luce ambientale. “Motion Sync” fa lampeggiare la retroilluminazione insieme all’immagine per rendere il movimento più nitido. Anche alcuni monitor da gioco ne sono dotati retroilluminazione stroboscopica, ma quasi mai schermate di modifica delle immagini. Il valore aggiunto di questa funzione è limitato con il PA32UCR-K. Sebbene l’immagine non sembri instabile a causa dell’elevata frequenza di lampeggio di 480Hz o 960Hz, l’immagine perde decisamente molta luminosità con la seconda opzione e l’immagine in movimento non sembra molto più nitida a mio avviso che con l’impostazione standard.

READ  Un luogo remoto in Sud Africa contribuisce alla scienza pionieristica dell'universo

Software di calibrazione

Per calibrare il PA32UCR-K con il colorimetro incluso, è possibile utilizzare il software ASUS ProArt Calibration, adatto per Windows e macOS. L’interfaccia contiene parecchio spazio vuoto, ma anche le opzioni necessarie per scegliere lo spazio colore, il punto di bianco, la gamma e la luminosità. Per qualche ragione, solo le due “modalità utente” offrono ampie possibilità di impostazione; le preimpostazioni predefinite per alcuni spazi colore possono essere reimpostate, ma non con un target di calibrazione personalizzato. È positivo che ProArt Calibration abbia la capacità di calibrare anche le modalità HDR.

Una calibrazione con ProArt Calibration richiede circa quindici minuti, senza possibilità di scegliere un numero di misurazioni. La scrittura dei dati sullo schermo dopo il completamento della misurazione richiede molto tempo. È anche strano che durante questo processo un LED di retroilluminazione si accenda periodicamente a piena potenza.

Come il Dell UltraSharp UP2720Q e alcuni monitor della serie ASUS ProArt, anche il PA32UCR-K può essere calibrato con i display CalMAN Portrait. ASUS promette anche il supporto per Color Space Light Illusion. Entrambi i pacchetti costano centinaia di euro e quindi non sono inclusi, ma per chi ha già una licenza è un bel bonus che sia predisposto per il PA32UCR-K. Questi programmi hanno un supporto più ampio per i dispositivi di misurazione e offrono più opzioni durante la calibrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *