Russia e Stati Uniti raggiungono un accordo sui voli per la ISS

Russia e Stati Uniti raggiungono un accordo sui voli per la ISS

Russia e Stati Uniti raggiungono un accordo sui voli per la ISS

AFP

Notizie ONSModificato

L’agenzia spaziale americana NASA e la sua controparte russa Roscosmos hanno raggiunto un nuovo accordo sui voli congiunti per la Stazione Spaziale Internazionale. Di conseguenza, gli americani possono continuare a volare con le capsule Soyuz russe e i russi possono viaggiare su veicoli spaziali americani.

Lo spazio è una delle ultime aree in cui americani e russi stanno lavorando a stretto contatto. I paesi sono partner della Stazione Spaziale Internazionale da decenni, la cui costruzione è iniziata quasi 25 anni fa.

Le agenzie spaziali affermano che il nuovo accordo è nell’interesse di entrambi i paesi. I voli spaziali verso la ISS sono così garantiti, anche se uno dei paesi soffre di lanci di razzi ritardati o cancellati.

Poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina, il tono era ancora meno conciliante. Il CEO di Roscosmos, Rogozin, ha dichiarato di voler tagliare tutti i legami con l’Occidente. Ha anche minacciato di mandare in crash la ISS a causa delle sanzioni occidentali. La minaccia è stata rapidamente respinta dal capo della NASA Nelson. “Si vanta una volta ogni tanto, ma ha sempre lavorato con noi”, ha detto a marzo.

Dipendenza americana

I primi voli previsti dal nuovo accordo saranno operati a settembre. Poi un astronauta americano vola con due russi in una capsula Soyuz alla stazione spaziale, e un cosmonauta russo viaggia con due astronauti americani e un giapponese in una capsula spaziale dalla SpaceX americana. La russa si sta attualmente addestrando per la sua missione presso il quartier generale della NASA a Houston.

È interessante notare che oggi il presidente russo Putin ha sostituito il capo di Roscosmos. Ciò è accaduto poco prima dell’annuncio dell’accordo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *