Recensione | Il Signore degli Anelli: Gollum

Recensione | Il Signore degli Anelli: Gollum – Quando giochiamo a una prima versione di un nuovo gioco, di solito cerchiamo di non essere troppo negativi. Dopotutto, questa è una versione non ancora finita e quindi molte cose possono essere aggiustate e migliorate. Tuttavia, per Il Signore degli Anelli: Gollum, è stato un compito molto difficile. Era chiaro che il gioco necessitava ancora di molto lavoro su tutti i fronti. Tuttavia, lo sviluppatore ci ha assicurato che la versione finale di Lord of the Rings: Gollum sarebbe stata significativamente migliore sotto ogni aspetto rispetto alla versione che ci è stato permesso di giocare per la nostra anteprima in quel momento. Ora che il gioco è nei negozi ed è già stato spedito con patch post-lancio, vedremo se lo sviluppatore ha mantenuto le promesse.

Imbottitura inutile

Daedalic Entertainment ha scelto di realizzare un gioco incentrato su Gollum poiché riteneva che ci fosse un evidente difetto nella sua trama sia nei libri che nei film de Il Signore degli Anelli. In effetti, tra gli eventi che si sono svolti in Lo Hobbit e La Compagnia dell’Anello, non è chiaro cosa ne sia stato di Gollum. Il gioco ci dice che è stato catturato dagli orchi e da loro ridotto in schiavitù per diversi anni, e quando fugge viene catturato dagli “Elfi di Bosco Atro”. È fantastico, ma se conosci i libri o i film, sai già in anticipo come andrà a finire il gioco. Non è un punto di partenza ideale per una storia “sorprendente”, ma può ovviamente essere compensato da un buon gameplay.

Nessun controllo

Il Signore degli Anelli: Gollum è descritto come un gioco d’azione/avventura, ma il gioco è principalmente un titolo platform, a volte con sezioni stealth. La prima versione mostrava che c’erano ancora molti problemi, il che ovviamente non era un buon segno. Sebbene alcune parti potessero essere risolte entro un ragionevole lasso di tempo, in realtà sapevamo in anticipo che semplicemente non c’era più tempo per migliorare tutte le parti. La prima categoria include controlli, frame rate e grafica. Non siamo ancora soddisfatti dei controlli. Non hai il pieno controllo dei tuoi salti, quindi salti regolarmente e ti schianti, il che può essere frustrante. Di conseguenza, la piattaforma non funziona bene. Ciò che inoltre non aiuta è che questa è una parte del gameplay usata di frequente. In effetti, abbiamo notato poca o nessuna differenza tra i controlli di anteprima e ora la versione completa.

READ  Sennheiser offre 60 ore di autonomia per le cuffie wireless Momentum 4 - Immagine e suono - Novità

Sono stati fatti progressi con il frame rate. Sono disponibili tre modalità grafiche. Hai una modalità prestazioni, che offre un’immagine 2K 60 fps, una modalità qualità che offre 2K 30 fps e una modalità ray tracing, in cui giochi in sub-4K a 30 fotogrammi al secondo. Il frame rate è buono per tutte le modalità. Tuttavia, ci sono momenti in cui il framerate target non viene raggiunto, ma ciò non toglie nulla al divertimento. Siamo meno soddisfatti della grafica. Abbiamo giocato alla prima versione su PC e sembrava a posto. Tuttavia, ora abbiamo giocato alla versione PlayStation 5 ed è graficamente molto più debole.

Pessima qualità

Una grossa spina nel fianco di Lord of the Rings: Gollum su console è che molte texture hanno una risoluzione molto bassa, quindi parti dell’ambiente semplicemente non sembrano giuste. Inoltre, alcuni personaggi del gioco sono di qualità molto bassa, principalmente a causa dell’uso di pochi poligoni. Questi personaggi hanno anche animazioni in legno, che sembrano semplicemente brutte. Lo stesso Gollum è piuttosto animato ed è composto da più poligoni, ma il volto del personaggio principale sembra strano. Lo sviluppatore ha cercato di far sembrare Gollum più infantile per far emergere il suo lato innocente, ma non ha funzionato. Per concludere con una nota positiva per quanto riguarda la grafica, la modalità ray tracing porta bellissimi riflessi.

Se Daedalic ha appena migliorato i controlli e la grafica, puoi scommettere che nulla è cambiato nel gameplay stesso, e purtroppo è così. Non eravamo già fan di quello che potevamo giocare in quest’area, nel gioco completo è anche peggio. In effetti, il design dei livelli a volte è estremamente semplice, a volte confuso o addirittura ridicolmente cattivo. Ad un certo punto abbiamo incontrato un orco in un passaggio, con il gioco che ci diceva che avremmo potuto distrarlo lanciandogli una pietra. Per prima cosa, l’orco è rimasto lì dopo aver lanciato la pietra, quindi abbiamo camminato verso di lui per inseguirci. Poi ci tuffammo rapidamente dietro qualcosa e l’orco ci perse di nuovo. Dopo tutto ciò, siamo riusciti ad entrare nel passaggio per scoprire che era un vicolo cieco. Dopo alcune ricerche, abbiamo scoperto che dovevamo solo scalare un muro che era ancora di fronte al nemico. Quindi non avevamo niente a che fare con l’orco, anche se il gioco lo suggeriva.

READ  Le app Android su Windows 11 possono comunicare tramite LAN dopo l'aggiornamento - Computer - Notizie

Trovare dove andare per continuare la tua avventura è un fenomeno ricorrente in Il Signore degli Anelli: Gollum. Ti imbatterai ripetutamente in vicoli ciechi mentre vieni guidato a questo, come nell’esempio di cui sopra, e talvolta non è chiaro se puoi scalare un muro o meno. Il gioco manca completamente di fluidità. Il design dei livelli sembra risalire a quando i giochi 3D stavano emergendo e gli sviluppatori stavano ancora sperimentando il loro approccio. Anche le sezioni stealth lasciano molto a desiderare. Qui si applica che è molto semplicistico, ma a volte i nemici sono posizionati in modo tale da provocare situazioni frustranti; è quindi quasi impossibile non essere notati. In generale, il gameplay offre quindi poco divertimento.

Ci sono altri elementi che rovinano il divertimento o non aiutano. A volte non puoi muoverti se sei appeso a una sporgenza e la telecamera è puntata su un certo punto. Inoltre, il salto all’indietro a volte non risponde quando colpisce un muro e il rilevamento delle collisioni ambientali non è sempre accurato. A volte non puoi camminare oltre, anche se deve essere chiaramente possibile superare un ostacolo. Inoltre, può succedere che tu non avanzi al livello successivo, anche se hai raggiunto il punto in cui devi essere. Inoltre, alcuni punti di spawn sono troppo distanti, il che significa che devi rifare alcune sezioni noiose. A volte devi anche fare una scelta su come continuerà una scena, ma alla fine ha sempre lo stesso risultato. Quindi quell’opzione è lì per pancetta e fagioli. In altre parole: è un accumulo di elementi mal elaborati.

In termini di suono, non è molto meglio. Non vengono utilizzate voci originali, ma sono imitate da vari doppiatori. Gollum semplicemente non assomiglia a Gollum e, insieme al suo aspetto strano precedentemente discusso, c’è una “disconnessione” con il personaggio principale. Le tracce musicali che ascolti vanno bene, ma portano con sé un altro “problema”. Ad esempio, stavamo cercando di trovare determinati oggetti, ma la musica suonava come se stessimo combattendo contro un mostro gigantesco. I suoni che senti spesso non corrispondono a ciò che sta accadendo sullo schermo, il che è semplicemente strano.

READ  Gp farce, Charles Leclerc e Carlos Sainz dicono la loro

giocato: PlayStation 5.
Disponibile anche per: PlayStation 4, Xbox One, Xbox Series X|S e PC.
Prossimamente: Nintendo Switch.

Disclaimer: La recensione di Our Lord of the Rings: Gollum è in ritardo, poiché solo di recente abbiamo ricevuto una copia di prova del gioco. Poiché il gioco è stato etichettato come il peggior titolo di quest’anno, volevamo comunque farti sapere cosa ne pensiamo del gioco. ha giocato con le patch più recenti rese disponibili dopo il lancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *