Suoni “di pompaggio” durante la ricerca del sottomarino scomparso sul relitto del Titanic

Suoni “di pompaggio” durante la ricerca del sottomarino scomparso sul relitto del Titanic

Suoni “di pompaggio” durante la ricerca del sottomarino scomparso sul relitto del Titanic
Una fotografia non datata del sottomarino Titan della OceanGate Expeditions.  ImmagineREUTERS

Una fotografia non datata del sottomarino Titan della OceanGate Expeditions.ImmagineREUTERS

La Guardia Costiera Usa stima che i cinque passeggeri, se vivi, avranno “circa 40 ore” di ossigeno. Il capitano della guardia costiera Jamie Frederick ha detto in una conferenza stampa di martedì sera. Sono trascorse meno di 40 ore. Secondo OceanGate Expeditions, che ha organizzato il viaggio verso la nave da crociera affondata, c’era ossigeno a bordo per 96 ore quando sono iniziate le immersioni domenica.

Gli Stati Uniti hanno inviato due navi nell’area per cercare il Titano. Anche il Canada sta inviando aiuti, ha annunciato il ministero della Difesa canadese. Sono in viaggio una nave militare con a bordo un’équipe medica e una cabina di decompressione e una motovedetta della guardia costiera.

La ricerca è stata in gran parte limitata alla superficie dell’acqua negli ultimi giorni, ma martedì è cambiato. Il terzo giorno dell’operazione, una nave commerciale è arrivata nell’area in cui il sottomarino è stato visto l’ultima volta. Questa nave è dotata di mezzi subacquei telecomandati, che possono essere utilizzati per effettuare ricerche in modo più mirato rispetto alle boe sonore finora utilizzate.

Secondo quanto riferito, durante la ricerca del sottomarino sono stati uditi “shock”, a intervalli di mezz’ora ogni volta. Lo riporta l’emittente statunitense CNN sulla base di una nota interna del governo Usa. Questo schiocco potrebbe ancora essere sentito dopo quattro ore. Non è chiaro quando siano stati uditi i suoni, anche se, secondo il promemoria, indicano che la “speranza per i sopravvissuti” è giustificata.

“Abbiamo lavorato tutta la notte con un ampio gruppo di partner per utilizzare tutte le opzioni per aumentare la nostra capacità”, ha detto martedì alla Galileus Web il comandante della guardia costiera regionale John Mauger. L’obiettivo è cercare il più in profondità possibile nell’area in cui il sottomarino era probabilmente attivo, tenendo d’occhio la superficie dell’acqua. Il sottomarino stesso potrebbe essere in grado di emergere, ma non ha mezzi di comunicazione.

La Francia invia un robot subacqueo

“È un’area remota ed è una sfida cercare in quella zona”, ha detto Mauger in precedenza a proposito della ricerca dentro e attraverso l’Oceano Atlantico. L’ultima posizione nota del sottomarino è a circa 700 chilometri da St. John’s, la città più grande dell’isola canadese di Terranova. Aerei americani e canadesi hanno perlustrato un’area “delle dimensioni del Connecticut” alla ricerca di segni della barca scomparsa.

immagine nulla

Statua

La Francia ha annunciato martedì che invierà una nave con un robot subacqueo per aiutare con la ricerca. Il Ministero dell’Istruzione ha messo a disposizione il robot, normalmente utilizzato per la ricerca. La nave dovrebbe essere lì verso le 20:00 di mercoledì.

‘M. Titanic a bordo

Uno dei passeggeri del sottomarino scomparso è il francese Paul-Henri Nargeolet. Il sommozzatore della Marina di 77 anni, noto anche come “Mr. Baptized” Titanic “, faceva parte della prima spedizione di ricerca al famoso naufragio nel 1987.

Anche un noto miliardario ed esploratore britannico di nome Hamish Harding è a bordo del sottomarino Titan. Harding, 58 anni, è il fondatore della società Action Aviation, attiva nel settore aeronautico. Gli altri passeggeri sono due membri di una nota e ricca famiglia d’affari pakistano-britannica, Shahzada Dawood (48) e suo figlio Sulaiman (19). La quinta persona a bordo è lo stesso capo di OceanGate, Stockton Rush.

Harding ha dichiarato in un’intervista rilasciata nel 2021 che quando viaggiava in alto mare non si aspettava di essere salvato se qualcosa fosse andato storto. “Se qualcosa va storto, non torni”, ha detto alla rivista indiana La settimana dopo una spedizione nella Fossa delle Marianne, profonda 11 chilometri.

Scendi a una profondità di 3.800 metri

Non è chiaro cosa abbia causato problemi al sottomarino di 6,5 metri domenica. OceanGate Expeditions ha dato l’allarme perché non poteva più stabilire un contatto con la barca. Secondo la compagnia, avevano già impiegato quasi due ore a scendere dalla superficie dell’acqua fino alla profondità di 3,8 chilometri del relitto.

Le spedizioni precedenti sono durate circa dieci ore e sono andate bene. Per circa $ 228.000, OceanGate invierà turisti e scienziati interessati al sito del relitto, dove verranno trasferiti sul sottomarino Titan per un’immersione da sei a otto ore per vedere i resti da vicino.

OceanGate era stata avvertita di problemi “catastrofici” da esperti all’interno e all’esterno dell’azienda prima della spedizione, ha affermato. Il New York Times. Già nel 2018 il Titan aveva lanciato l’allarme perché il mezzo non era stato sufficientemente testato per l’utilizzo a grandi profondità. Ne risultò persino una lettera al CEO della compagnia, Stockton Rush, da parte di oceanografi e altri che mettevano in guardia contro l’approccio “sperimentale” della compagnia.

“Gravi rischi per la sicurezza”

L’ex direttore delle operazioni marittime di OceanGate è stato licenziato nel 2018 dopo aver sollevato preoccupazioni sulla sicurezza dei passeggeri. Ciò risulta dagli atti giudiziari di quell’anno. David Lochridge, un subacqueo e operatore di sottomarini scozzese, lavora per OceanGate dal 2015. In una causa contro il suo ex datore di lavoro, ha affermato di essere stato licenziato nel gennaio 2018 dopo aver sollevato “gravi rischi per la sicurezza”.

Il Titanic affondò nel 1912 durante il suo viaggio inaugurale da Southampton a New York dopo essersi scontrato con la banchisa. Circa 1.500 persone sono state uccise. Il relitto del transatlantico britannico fu ritrovato solo nel 1985.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *