Record di nomination: nove VIP in TV – Grande Fratello VIP

E adesso ci siamo: è arrivato il momento temuto per le candidature e sicuramente questa settimana è stato l’argomento che ha tenuto la panchina più di altri. Stefania, ad esempio, manterrà la sua promessa di nominare nuovi arrivati ​​nel gruppo? Vedremo.

Alfonso apre il collegamento con la Camera e spiega le dinamiche del voto. La prima concorrente a disegnare la piramide, che per l’occasione è vestita per l’occasione, è proprio Stefania che nel segreto del confessionale fa il nome di Dayane: “Non mi piacciono i colpi bassi”. Anche, pure Andrea, al confessionale, decide di nominare Dayane.

Poi è il turno di Maria teresa e la sua scelta è anche sul modello: “Si era sbagliato”. Carlotta entra in confessionale con un grande sorriso:“Mi chiamo Maria Teresa, non mi è piaciuta la frase che mi ha detto ieri al nostro ritorno da Cucurio”.

Samantha è il primo concorrente a pescare la piramide con uno sfondo nero e la sua nomina sarà chiara: “Ci cade il mio nome Giulia. L’unico motivo è che ultimamente non abbiamo parlato molto “. Giulia risponde velocemente: “Me l’aspettavo”

Pierpaolo chiama apertamente Dayane: “Vorrei che critichi meno gli altri e guardi di più a modo suo”. Ecco il turno di Bella rosa che nel confessionale fa il nome di Zeng.

Un appuntamento molto atteso è quello di Dayane che nomina Stefania: “Colpisce la mia amicizia con Rosalinda, e lei non può permettersi di dire che non sono un’amica.” Tommaso entrare nel confessionale: “Nomi Mario perché è insopportabile “, ammette senza mezzi termini.

Poi tocca a Mario che ricambia il voto di Tommaso e infine Giulia che nomina chiaramente Samantha: “Sono vendicativo.”

Affronteranno il televoto: Stefania, Samantha, Maria Teresa, Dayane, Zenga, Rosalinda, Tommaso, Mario e Giulia. Questo televote terminerà lunedì prossimo e il VIP con il voto più basso sarà definitivamente eliminato dalla casa del Grande Fratello. Vota qui.

READ  Mariano Di Vaio quarto figlio, svelato il sesso: il "pronostico" si avvera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *