Roland Garros 2020, sconfitta con onore per Jannik Sinner contro Rafael Nadal nei quarti di finale a Parigi – OA Sport


Pronostici rispettati e Jannik Sinner deve arrendersi al “Re di argilla rossa”. Nell’ultima partita organizzata su Philippe Chatrier, l’italiano ha alzato bandiera bianca nei quarti di finale del Roland Garros 2020 al numero 2 del mondo Raphael Nadal, 12 volte vittorioso in questo torneo: 7-6 (4) 6-4 6-1 il punteggio a favore dell’Iberia. Una resa, però, con onore visto che per due set Jannik ha giocato allo stesso livello, se non meglio a volte, di Rafa, ma pagando a caro prezzo alcune occasioni non sfruttate. L’esperienza e la classe sono stati i fattori discriminanti e alla lunga, come indica il punteggio del terzo set, si è vista la più grande capacità di Nadal nell’affrontare partite di questo tipo. Così, nella sua 100esima partita disputata a Parigi, il maiorchino ha conquistato la 98esima vittoria e la 13a semifinale con l’argentino Diego Schwartzman ad attenderlo. Per Sinner un gioco però di alto livello, utile alla sua crescita.

PRIMO SET – Partenza per conto del saldo. Entrambi i giocatori convincono nei loro turni di servizio ma, quindici dopo quindici, è il più giovane in campo a farsi strada con le sue accelerazioni di rovescio e diritto, mentre Nadal fatica a trovare i suoi colpi sul lato sinistro del campo. . Jannik si avvicina al break in gara 5, non approfittando del 30-40 chance, poi realizza il vantaggio all’undicesimo, capitalizzando la terza chance. Rafa però, con le spalle al muro, alza il livello e conquista il contropiede immediato, dando grande profondità ai suoi tiri. La stessa arma ha fatto la differenza nel tie-break, vinto dal numero 2 del mondo con il punteggio di 7-4. L’Iberia ha chiuso con 14 vincitori e 17 liberi contro 19 altoatesini.

READ  Spezia, italiano: "Siamo dietro al mercato. Dobbiamo andare molto veloci"

SECONDO SET – Nel secondo set, la partenza di Jannik è decisa: potenti scioperi di fondo creano problemi al suo rivale di maggior successo e il break arriva nel quarto game. Purtroppo, come accaduto nella frazione precedente, il giro di battuta non aiuta il 19enne italiano e le risposte di Rafa pesano e valgono l’immediato contropiede. La sfida però è molto equilibrata e Sinner non sembra per niente male, anzi a volte mostra colpi di un finale molto bello. Purtroppo per l’Alto Adige la nona partita non è perfetta e anche per un po ‘di fortuna (fiocco favorevole) Nadal vince il break che vale la frazione finita sul 6-4: 10 vincitori e 10 liberi per il campione di Manacor contro 15 vincitori ei 18 errori diretti dell’azzurro.

SET TERZO – Nel terzo set, l’intensità di Jannik cala notevolmente e Rafa, da campione, coglie subito l’occasione per attaccare il suo giovane rivale, strappandogli i primi round della frazione. Sinner è decisamente più in difetto, soprattutto con il dritto, ed è facile per Rafa finire 6-1 con il dritto lungo, segno del suo repertorio. L’Iberia conclude quindi con 37 vincitori e 33 errori non forzati, contro 31 vincitori e il 44 gratuito di Jannik.

CLICCA QUI PER TUTTE LE NOTIZIE SUL TENNIS

[email protected]

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per “mi piace” la nostra pagina Facebook
Clicca qui per unirti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *