Roma, è finita anche l’ora del DS Campos, ora i Friedkins puntano su un talent scout

Al netto di braccio di ferro lungo che divide I campi di Lila, che vorrebbe lasciare ma per la quale è ancora formalmente consulente, I. Friedkin – sebbene molto interessati a un profilo come quello del portoghese – hanno deciso di non aspettare oltre, scrive in merito Massimo Cecchini La Gazzetta dello Sport, anche perché non erano convinti dall’idea portoghese di inviare a Trigoria un suo emissario, che lo avrebbe sostituito nei periodi in cui non poteva lasciare il Principato di Monaco.

E ora come si muoverà la Roma? L’impressione è che ci sarà una figura destinata a sorprendere un po ‘tutti. Non tanto un direttore sportivo nel senso classico del termine, vale a dire un uomo coinvolto anche in trattative in senso stretto, ma una figura che ricopre più il ruolo di talent scout, nonché direttore tecnico.

Il lavoro della famiglia Friedkin è vasto, ma è chiaro che non arriverà nessun nome illustre. A loro piacciono i profili come quello di Victor Mezzo del Leeds o Markus Krosche dal Lipsia, ma vogliono puntare ancora di più sul modello rappresentato dal calcio olandese. In questo senso, oltre a John De Jong, attuale direttore del PSV Eindhoven – ruolo che non vorrebbe lasciare – è stato intervistato anche Frank Arnesen, 64 anni, centrocampista storico di Ajax, Valencia, Metalist, Anderlecht e Psv. È stato accreditato con le “scoperte” di giocatori come Ronaldo il fenomeno, Stam, Van Nistelrooy, Robben, Kalou e Mikel, ma in generale, soprattutto durante il periodo in cui ha lavorato al Chelsea di Abramovich, la sua fama è cresciuta in modo eccessivo, consentendogli una gamma di movimento di prim’ordine nei suoi club.

READ  "ADL furioso con Giuntoli? Va tutto bene! Fate rapporto al capolinea"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *