Russia, Navalny mette fine allo sciopero della fame: “Perdo sensibilità agli arti”

“Amici miei, il mio cuore è pieno di amore e di gratitudine per voi – scrive Navalny – ma non voglio che nessuno provi dolore fisico a causa mia”.

L’avversario russo si è poi rivolto ai suoi sostenitori: “Grazie all’enorme sostegno di brave persone in tutto il Paese e nel mondo, abbiamo fatto enormi progressi”. Navalny ha fatto uno sciopero della fame in prigione il 31 marzo per protestare contro il rifiuto delle autorità di farlo visitare dai suoi medici dopo aver sviluppato un forte dolore alla schiena e intorpidimento alle gambe.

ONG: 1.921 detenuti durante le proteste in Russia Nel frattempo, almeno 1.921 persone sono state arrestate in Russia durante le proteste pro-Navalny di mercoledì. Lo ha riferito la ONG Ovd-Info. Secondo l’organizzazione, 827 detenzioni sono avvenute a San Pietroburgo, 170 a Ufa, 73 a Kazan, 58 a Barnaul, 57 a Voronezh e 53 a Sochi. Sono 31 le persone arrestate a Mosca e in totale ci sono fermate in 101 città.

READ  Turchia: la nave Oruc Reis estende la sua missione in acque contese - Ultima Ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *