Russia, portavoce di Navalny: “Sta morendo, è questione di giorni”

Alexei Navalny, l’avversario russo in carcere, malato e in sciopero della fame, potrebbe morire di arresto cardiaco “in qualsiasi momento”, denunciano i suoi collaboratori e medici. L’attivista anti-corruzione sta scontando due anni e mezzo per una vecchia condanna ritenuta “politicamente motivata” nella colonia penale di Pokrov, a 100 chilometri da Mosca, una delle carceri più dure della Federazione. “Un vero campo di concentramento”, secondo il giovane di 44 anni.

Navalnyj ha smesso di mangiare il 31 marzo per chiedere di essere visto da un medico di cui si fidava e per protestare contro le sue pessime condizioni di detenzione. “Dichiaro uno sciopero della fame per chiedere le forze dell’ordine e per farmi visitare da un medico esterno”, ha scritto sul suo profilo Instagram.

Sopravvissuto all’avvelenamento con un agente nervino Novichok lo scorso agosto, Navalnyj ha detto di aver sofferto di “forti dolori” alla schiena, intorpidimento alle mani e alle gambe, nonché “privazione del sonno”. Una “tortura”, aveva scritto nei giorni scorsi, precisando di essere stato svegliato “otto volte per notte” dai suoi carcerieri.

Russia, quando il medico di Navalnyj ha avvertito: “Noi medici abbiamo paura per la vostra vita”


Ieri, al diciottesimo giorno di sciopero della fame, il livello di potassio nel sangue avrebbe raggiunto un livello “critico”: 7,1 millimoli per litro. “Ciò significa che da un minuto all’altro possono verificarsi problemi ai reni e gravi problemi del ritmo cardiaco”, ha denunciato il medico di Alexei Navalnyj in una lettura ai servizi carcerari russi. Anastasia vasiljevae altri tre medici, compreso un cardiologo, chiedendo di poterlo vedere immediatamente. “Un paziente con un tale livello di potassio dovrebbe essere osservato in terapia intensiva perché potrebbe sviluppare un’aritmia fatale in qualsiasi momento. Morte per arresto cardiaco”, ha commentato su Facebook il cardiologo Ashikhmin. Il portavoce di Navalnyj è ancora più pessimista, Kira jarmysh, che ha twittato: “Se non iniziano il trattamento, morirà entro pochi giorni”.

“Totalmente ingiusto, totalmente ingiusto”, ha commentato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, la cui amministrazione il mese scorso ha sanzionato sette alti funzionari russi, compreso il capo dell’intelligence, in risposta all’avvelenamento e all’incarcerazione di Navalny.

Venerdì, più di 70 personalità, inclusi scrittori vincitori di premi Nobel come Svetlana Aleksievich e Orhan Pamuk, ai designer piace Art spiegelman e attori vincitori di Oscar come Ralph fiennes – avevano inviato al presidente Vladimir Putin una lettera aperta pubblicata anche dalla Repubblica chiedendogli di garantire un trattamento adeguato all’avversario in carcere.

READ  Tensioni a Gerusalemme, Jihad islamica: "30 razzi sparati su Israele" | Ritorsioni contro Gaza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *