Ruud Gullit è infastidito da KNVB nella campagna OneLove: “Una gaffe, davvero un’occasione mancata” |  calcio olandese

Ruud Gullit è infastidito da KNVB nella campagna OneLove: “Una gaffe, davvero un’occasione mancata” | calcio olandese

con videoRuud Gullit ritiene che il KNVB stia commettendo un “errore” a causa della ripetizione dell’azione OneLove prevista per il prossimo mese cancellare. L’associazione calcistica aveva programmato che i capitani di calcio professionistico indossassero nuovamente una fascia con il logo OneLove nell’ultimo round prima della Coppa del Mondo, ma ha deciso di non farlo a causa del trambusto causato dall’azione dello scorso fine settimana.


editore sportivo


Ultimo aggiornamento:
00:36

“Una gaffe, davvero un’occasione persa”, ha detto Gullit a Ziggo Sport. L’ex capitano dell’Orange è membro del comitato Mijnals creato nel 2020 per combattere il razzismo e la discriminazione nel calcio. Secondo Gullit, il comitato Mijnals, che comprende anche Humberto Tan, Daphne Koster, Marjan Olfers e il sindaco di Arnhem Ahmed Marcouch, non è a conoscenza della decisione del KNVB di abbandonare l’azione prevista per novembre.

Ruud Gullit.

Ruud Gullit. © Pim Ras Fotografia

“Si stanno sparando a un piede con quello, mi fa incazzare”, ha detto Gullit. “Non si tratta tanto di passare il comitato, ma del fatto che molte persone al KNVB non lo sentono. Non sentono davvero cosa significhi essere esclusi. Ecco perché è più per il palcoscenico, per mostrare: guardaci mentre facciamo questo. Ma non sentono l’urgenza, non riescono a entrare in empatia. Poi ottieni cose del genere.

Orkun Kokcu e Redouan El Yaakoubi, rispettivamente capitani del Feyenoord e dell’Excelsior, domenica scorsa si sono rifiutati di indossare la band OneLove. Ciò ha causato molto trambusto.

Secondo Gullit, questa era davvero una buona cosa. ,,Qualcuno ha lanciato un sasso nello stagno e i cerchi sono diventati sempre più grandi, è stato molto positivo. Vi ha permesso di vedere che è necessario intraprendere tale azione e che c’è ancora molto da fare. La campagna OneLove è sinonimo di connessione e si oppone a tutte le forme di discriminazione.

“KNVB, tirati su! ha scritto il sindaco Marcouch su Twitter. ,,Con la resistenza a OneLove tra alcuni capitani, sai che la tua coraggiosa campagna è incostante e disperatamente necessaria. Obiettivo: la libertà del calciatore diventa la libertà di ogni orientamento, religione e colore.


Preventivo

Senti, puoi indossare questa fascia quanto vuoi, ma questo non significa che tu sia una brava persona”.

Rémy Bonjasky, ex kickboxer

E anche Remy Bonjasky ha parlato della campagna. Ape 1 l’editorialista di questo sito dice che si rammarica che ora stiamo parlando di Kökçü e El Yaakoubi. “Sono così soppressi da alcuni presentatori e lo trovo difficile”.

L’ex kickboxer spiega anche perché. “Sono ragazzi fantastici, socialmente impegnati e rispettano tutti, ma non è perché non indossano questa band… Guarda, puoi indossare questa band come vuoi, ma questo non significa non dire che lo sei una brava persona.”

Bonjasky critica il KNVB per questo. ,,Penso che il KNVB dovrebbe pensare a quello che sta facendo e non solo imporre le cose, perché un po’ le ha imposte: portare questo gruppo. E se questi ragazzi non lo vogliono… Dovrebbero essere in grado di fare la propria scelta.


READ  Paltrinieri e la staffetta oro nei Mondiali di nuoto di fondo a Fukuoka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *