Sainz 5° e felice: “Ho sempre pensato di essere capace” – F1 Piloti – Formula 1

La qualificazione finale della sua prima stagione in rosso si è conclusa con un colpo tagliente inaspettato, su una pista tradizionalmente difficile per Ferrari. Carlos Sainz scatterà dalla quinta posizione del Gran Premio di Abu Dhabi, beffandosi clamorosamente della Mercedes di Valtteri Bottas e anche del compagno di squadra Charles Leclerc (7°).

Un grande impegno e una grande dedizione al lavoro per lo spagnolo anche in quest’ultimo ballo del 2021, oltre a una nuova iniezione di fiducia per lui, protagonista di una stagione in crescita e capace di dimostrare di essere all’altezza del compito. de Leclerc soprattutto in futuro.

“Sono felice, ovviamente, soprattutto dopo Gedda dove mi è dispiaciuto molto per l’eliminazione in Q2. Ero molto forte lì ed ero troppo aggressivo in Q2 quando non avrei dovuto. Oggi Mi sono dosato meglio e ho fatto il giro più veloce quando era importante, cioè in Q3 – ha commentato Sainz subito dopo la fine delle qualifiche – Ho fatto una bella passeggiata. Non perfetto, ma abbastanza pulito. Mi sono sempre ritenuto capace. Quando ero compagno di Norris, che conosco molto bene in qualifica (visto anche com’è andata oggi, terzo), ero sempre lì con lui. Sapevo di poter restare a questo livello: forse la gente non se lo aspettava, ma io Mi sono sempre fidato di me stesso. Soprattutto in queste 6-7 gare, in qualifica sono andato molto veloce e ho sfruttato al massimo il potenziale della vettura”.

“Siamo stati più vicino alle migliori squadre di quanto mi aspettassi, soprattutto vedendo Perez e Bottas. Norris deve aver fatto un buon giro, mentre personalmente ero un po’ carente nella gestione delle gomme – aggiunse il madrileno – In Q2, sentivo che se avessi spinto al massimo nei primi due settori, avrei faticato nel terzo. In Q3, sono riuscito a controllarmi meglio nella prima e nella seconda e dare di più nella terza. Ho fatto 22,9 che per me era più o meno il limite della macchina. Sono contento di aver avuto la calma per reagire a tutto e di avere una buona svolta alla fine. Oggi eravamo più vicini al ritmo che volevamo”.

Come sempre, però, l’attenzione è già rivolta alla gara: “Mantenere la calma all’inizio è difficile, domani è l’ultima gara dell’anno e voglio finire bene. Andrò sicuramente all’attacco. Se chiudessi l’anno con una buona gara, andrei in vacanza molto felice”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.