Sanzioni minacciano la Russia dopo nuovi attacchi missilistici, più sostegno all’Ucraina |  ADESSO

Sanzioni minacciano la Russia dopo nuovi attacchi missilistici, più sostegno all’Ucraina | ADESSO

NU.nl fornisce regolarmente una panoramica della situazione in Ucraina. Questa volta: la Russia ha effettuato attacchi missilistici e droni contro le città ucraine per il secondo giorno consecutivo. I leader del G7 e la NATO hanno promesso ulteriore sostegno all’Ucraina. Nuove sanzioni minacciano la Russia.

L’Ucraina afferma che gli impianti energetici sono stati nuovamente bombardati. “Si tratta di crimini di guerra pianificati volti a creare condizioni intollerabili per i civili”, ha affermato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba. Non esiste ancora una stima del numero delle vittime.

Gli attacchi aerei hanno lasciato ancora più parti dell’Ucraina senza elettricità. Lunedì – dopo la prima serie di attacchi missilistici – diverse province erano già prive di elettricità. L’Ucraina ha successivamente interrotto le sue esportazioni di elettricità in Europa.

La Russia afferma di aver attaccato solo le infrastrutture militari e le strutture energetiche. Molte altre parti contraddicono questa affermazione, affermando che gli obiettivi civili sono stati nuovamente colpiti. Solo lunedì sono state uccise più di 100 persone.

Il G7 annuncia nuove sanzioni contro la Russia

I maggiori paesi occidentali puniranno ancora di più la Russia per la sua aggressione contro l’Ucraina. Lo hanno annunciato martedì Canada, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Giappone e Stati Uniti. I paesi sono uniti nel G7. “I costi per la Russia aumenteranno”, hanno scritto i paesi in una nota.

Il G7, a cui l’Unione Europea ha aderito come membro speciale, vede anche la Russia bombardare “obiettivi arbitrari” e colpire civili innocenti. Gli attacchi missilistici sono stati etichettati come crimini di guerra dai paesi.

Le minacce nucleari del Cremlino sono descritte dal gruppo come “irresponsabili” e una minaccia alla pace e alla sicurezza in tutto il mondo. Putin aveva confermato lunedì che stava effettuando pesanti attacchi contro l’Ucraina in risposta a un’esplosione sul ponte di Crimea, che collega Russia e Crimea. Il presidente russo ha anche minacciato ulteriori attacchi.

READ  La Corea del Nord parla di "grave emergenza" dopo la prima infezione da corona ORA

La Nato continua a sostenere l’Ucraina: “La Russia prende di mira i civili perché perde sul campo di battaglia”

I paesi del G7 hanno dichiarato in una conversazione con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che continueranno a sostenere l’Ucraina “per tutto il tempo necessario”. Questo messaggio ha ripetuto il capo della NATO, Jens Stoltenberg. Vede gli attacchi missilistici contro obiettivi civili come un “segno di debolezza, dopo molte sconfitte russe al fronte”.

Stoltenberg crede che l’impulso per la guerra risieda con l’Ucraina. La Russia, dice, sta perdendo. Per garantire ciò, la NATO continua a sostenere l’Ucraina. Ad esempio, quattro dei più moderni sistemi antiaerei tedeschi arriveranno nel paese questa settimana.

Kiev riceve i corpi dei soldati morti

Finalmente oggi sono arrivate notizie positive da Kiev. Le autorità ucraine affermano di aver ricevuto 62 corpi dalla Russia. Questi sono soldati e miliziani morti.

Questi includono ex membri del controverso Battaglione Azov. Sono stati uccisi alla fine di luglio quando un campo di prigionia russo è stato bombardato a circa 17 chilometri a sud-ovest della città di Donetsk.

Secondo quanto riferito, il campo di prigionia è stato bombardato con armi occidentali avanzate. Secondo Kiev, gli stessi russi hanno bombardato il campo. Almeno 50 persone sarebbero state uccise e 75 ferite nel campo di Olenivka.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *