“Sarei felice di tornare a Roma, ma no …”

INTERVISTA A PETRACHI A ROMA – Gianluca Petrachi tornare a parlare della sua esperienza a Roma dopo la separazione avvenuta la scorsa estate. Di lui ha parlato in una lunga intervista al Corriere dello Sport il direttore sportivo, che ha fatto causa ai giallorossi dopo l’esonero. Ecco alcune delle sue parole:

I motivi della rottura con la Roma e il rapporto con Zaniolo

“Cosa è successo durante la mia rimozione? A volte non sono un diplomatico. Non so come affrontare le relazioni. Non chiamo il manager, non me lo permetto. Non è cosa mia. Così scrivono che ho aggredito Zaniolo perché avevo già deciso di venderlo. E se non lo fosse? Non al punto che Zaniolo fosse ancora con la Roma ed era un’eredità aziendale. Avevo tutti i documenti contro. Sono quello che non dà la notizia, sono più contorto che etero. Non posso sbagliarmi. Brusco con Zaniolo? Gli ho detto che doveva tirare fuori la sua anima guerriera, non il mondo. Qualcuno come me odia o ama se stesso. Avrei potuto essere più gentile nei miei modi, cercando di conoscermi meglio. La verità è che ho provato a rimuovere una gola profonda da Trigoria e subito è stata la guerra. A cominciare da alcuni giornalisti ”.

Il rapporto con Pallotta

“Pallotta è un uomo intelligente. Un visionario. Ma il calcio è un mondo in sé. Si fidava troppo delle persone sbagliate. Pallotta potrebbe aver capito oggi quante bugie le avevano detto su Petrachi. Pallotta, in un’intervista, cita e ringrazia tutti tranne me. Una provocazione. Da lì, il mio messaggio: una protesta, ma anche un grido di aiuto. Volevo un chiarimento da uomo a uomo. Sono molto orgoglioso, da allora non ho più avuto notizie di nessuno. Mi hanno anche detto che se cambia proprietario tornerò. Non è andata così. L’assenza di Pallotta? Una volta mi ha chiesto: cosa posso fare per aiutarti? Lascia che i ragazzi ti vedano più spesso, ho risposto.

READ  "Genoa a Verona con la Primavera": annuncio scioccante di Faggiano

Il Friedkin e un possibile ritorno alla Roma

“Friedkin? Un pranzo di cortesia a dicembre, niente di più. Sembravano felici di comprare la Roma. Trovo la loro presenza molto positiva. Per un calciatore è molto importante vedere il capo che ti ha scelto e che ti paga. E se mi richiamassero? Non mi piace stare in tribunale mio malgrado. Non ho scelta. Ho letto messaggi errati su questo. I cinque milioni che chiedo sono lordi e rappresentano la contropartita dei due anni del mio contratto che avevo ancora a Roma. Non un centesimo di più. E se mi richiamassero? Spiegherei le mie ragioni al nuovo proprietario. Se dovessi tornare sarei felice ma, ad essere sincero, non lo farei a nessuna condizione. Io non cambio. Petrachi deve fare Petrachi ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *