Schumacher, questo dubbio risolto dalle masse – Formula 1

Jochen Massa e Michael Schumacher hanno incrociato le loro carriere tra la fine degli anni ’80 e l’inizio degli anni ’90, come compagni di squadra – per esempio – nel campionato SportsCar 1990. Schumi ha imparato diversi trucchi dalla professione del veterano, come il gestione degli pneumatici a lungo termine. Per questo motivo, ha sempre tenuto nella massima considerazione i suoi consigli, anche quando era ora che la Messa si ritirasse dalla gara. Schumacher, intanto, era entrato in Formula 1 ea 26 anni poteva già vantare due mondiali.

Kaiser Schumi deve aver pensato al Il prossimo passo a Benetton. C’erano due modi: Williams e Ferrari. Da una parte la certezza (o quasi) della vittoria, dall’altra la certezza della sconfitta, ma anche il brivido dell’escalation. Era il 1995 e Schumacher chiamò la messa per chiedere consiglio: “La Williams, con tutti gli ausili elettronici, è stata fantastica, davvero facile da guidare. Gli ho detto prima: ‘È solo con questa macchina che puoi diventare campione del mondo“. Michael poi mi ha chiamato e mi ha detto che avrebbe guidato per la Williams nel 1996. Ho pensato che fosse fantastico per lui e per Frank perché volevo che avesse il miglior pilota“, Ha detto il tedesco al podcast Oltre la griglia.

F1 | Ferrari e affidabilità: la terribile estate del 1996

Quindi, tutto è fatto: Schumacher alla Williams. Ma no: Kaiser Schumi ha preferito quella sinuosa alla strada facile. Ma anche i più lungimiranti: “Ma alla fine gli ho detto che se avesse vinto tutti i meriti sarebbe andato alla Williams e non al pilota“, Messa ha continuato.”E così gli ho consigliato di andare alla Ferrari. ‘Devi andare a Maranello, devi tirarli fuori dalla profonda crisi in cui si trovano in questo momento. Devono restituire i campioni con te, così sarai il Re d’Italia!‘, Ricordo di avergli detto. Un mese dopo mi chiamò per dirmi che sarebbe andato alla Ferrari. Alla fine, pensavo che Frank Williams pensasse che fosse una decisione sciocca, ma Michael sarebbe stato molto più rispettato se avesse vinto il titolo con la Ferrari.“.

READ  LA (NON) RIVOLUZIONE DI PRANDELLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *