Scoperta di un pianeta delle stesse dimensioni della Terra

Scoperta di un pianeta delle stesse dimensioni della Terra

“La scoperta è molto bella, un’osservazione meravigliosa. I dati di James Webb sembrano molto buoni, grazie al potente telescopio. Questo fa ben sperare per il futuro”, afferma il professor Ignas Snellen dell’Università di Leida. Snellen conduce ricerche sugli esopianeti e le loro atmosfere. Gli esopianeti sono pianeti che orbitano attorno a una stella diversa dal sole.

Unico

I ricercatori della Johns Hopkins University nel Maryland negli Stati Uniti hanno annunciato la scoperta di LHS 475 b dopo aver analizzato i dati del James Webb Telescope. Il pianeta ha tradito la sua esistenza in orbita davanti al suo sole. Per questo motivo, Webb vedeva cali di luce stellare ogni volta che il pianeta passava.

“Possiamo osservare lo spazio in modo diverso con il James Webb”, spiega Snellen. “Questa scoperta è stata fatta utilizzando il metodo di misurazione del transito, in cui la differenza nella luce delle stelle dice qualcosa sul pianeta mentre passa davanti alla sua stella”.

Ciò che rende unico il James Webb Telescope è che può effettuare misurazioni dell’atmosfera di un pianeta. Ciò dimostra che LHS 475 b non è affatto come la Terra.

Fa diverse centinaia di gradi più caldo e sebbene non sia ancora sicuro al 100% che abbia la sua atmosfera, si possono escludere una serie di scenari. Ad esempio, nessuna atmosfera simile al metano è stata misurata come su Titano, una luna di Saturno. I ricercatori escludono anche un’atmosfera composta esclusivamente da idrogeno.

Centinaia di gradi caldi

LHS 475 b viene attentamente confrontato con Venere, la cui atmosfera contiene più del 95% di CO2. “La NASA sta esplorando l’opzione di un’atmosfera di CO2”, ha detto Snellen.

READ  sui giornali inglesi la disperazione della vittoria italiana

“La temperatura su Venere e sul pianeta scoperto è di diverse centinaia di gradi. Ma avremo bisogno di effettuare più misurazioni dell’atmosfera per determinare se LHS 475 b somiglia davvero a Venere.”

Snellen si aspetta molto da questi studi. “Il James Webb Telescope può anche misurare il calore di un pianeta. Questo è il passo successivo”, dice Snellen. “Mentre il pianeta passa dietro la stella, non è visibile e non si misura il suo calore. In questo modo si può capire di che gas è fatto il pianeta.” Snellen non esclude un’atmosfera di CO2.

“Ma l’esopianeta potrebbe anche essere roccia nuda. La stella attorno alla quale orbita il pianeta è una cosiddetta nana rossa. Si tratta di stelle molto attive che emettono radiazioni e particelle cariche di atmosfere planetarie.

vitale

Il James Webb Telescope è il più grande e potente telescopio spaziale mai costruito. È stato lanciato alla fine dello scorso anno da una base ESA nella Guyana francese ed è il successore del telescopio Hubble.

“Possiamo usare James Webb per determinare la composizione delle atmosfere e quindi dire se un pianeta assomiglia a Venere, Marte o alla Terra, per esempio”, dice Snellen. “Un telescopio di nuova generazione può guardare nell’atmosfera e cercare l’ossigeno, per esempio. Quindi possiamo davvero dire se un pianeta è vitale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *