Sfortuna per gli appassionati di sport invernali: prati verdi al posto dei bianchi pendii delle Alpi |  All’estero

Sfortuna per gli appassionati di sport invernali: prati verdi al posto dei bianchi pendii delle Alpi | All’estero

Coloro che partiranno per gli sport invernali nelle prossime settimane saranno sfortunati con il tempo. C’è poca neve nelle famose località sciistiche delle Alpi. Nelle zone leggermente più basse è ancora più verde che bianco. Secondo Weerplaza, non cambierà molto nel prossimo futuro.

La poca neve disponibile nei comprensori sciistici non è integrata dalle nevicate. La scorsa notte la neve è caduta per la prima volta in una settimana nelle regioni alpine sotto i 2.000 metri. La maggior parte della neve è caduta in Svizzera. Tuttavia, anche lì, le piste da sci rimangono piuttosto strette.

Il tempo sulle Alpi rimarrà mite per i prossimi giorni. Il sole splende luminoso in molti luoghi. Sopra i 1.100 metri gela, quindi si possono usare i cannoni da neve. I campi nuvolosi si stanno spostando anche in Francia e Germania. Ma queste nuvole non contengono neve.

Farà ancora più caldo nei prossimi giorni e la linea del gelo salirà a 1.700 metri durante il giorno. Al di sotto diventa rapidamente 3-6 gradi. Questo rende la neve sulle piste un po’ molliccia. Qualche neve è prevista sopra i 1.900 metri, ma non molta.

Venerdì la temperatura sulle pendici settentrionali delle Alpi, in Svizzera e in Austria, può salire fino a 9 gradi. Ciò è dovuto ad una corrente di aria calda proveniente da nord. Rimane soleggiato anche lì, mentre in Francia piove molto.

A cavallo dell’anno, la temperatura può salire fino a 13 gradi ovunque nelle Alpi. Secondo Weerplaza, questo è “assurdamente alto”. La linea del gelo sarà quindi di circa 2.700 metri. Nella prima settimana di inizio anno il clima invernale è ancora assente.

READ  Rischio sicurezza in Cina, minaccia militare numero uno in Russia - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *