Solo dopo sei settimane la famiglia di Andryi ha scoperto il suo orribile destino

Solo dopo sei settimane la famiglia di Andryi ha scoperto il suo orribile destino

I parenti hanno fatto il giro del villaggio per cercare. Non era senza pericolo, le mine erano ovunque. “Ma siamo andati comunque”, dice Anastasia. “La gente ha detto che c’erano dei corpi negli scantinati. Ma non abbiamo visto nessuno lì.” Pochi giorni dopo, i primi corpi vengono ritrovati, uccisi e abbandonati dai russi. “Abbiamo esaminato quattro morti, ma fortunatamente nessuno di loro era nostro padre”.

Andryi è rimasto senza lasciare traccia. Speravano che fosse stato portato in Bielorussia come prigioniero dei russi.

Sparato alla nuca

Ma l’11 aprile quella speranza è finita. “Poi Ihor è venuto da me”, dice Anastasia. “Ha detto: hanno trovato papà. Hanno chiesto alla mamma di venire a identificarlo. Il corpo di Andryi era stato scoperto dal sindaco del villaggio. Scattò una foto e la mostrò a Oxana. Lo riconobbe immediatamente. Indossava i suoi vestiti preferiti. “Grazie a Dio non ho visto il suo corpo”, ha detto Anastasia. “La mamma ha detto che la sua faccia era irriconoscibile. Le sue mani erano legate dietro la schiena con del filo metallico. Gli hanno sparato alla nuca”.

Non riescono ancora a credere che il loro padre non tornerà. Anastasia parla di suo padre. “Era così intelligente. Sapeva fare così bene, poteva fare qualsiasi cosa con le sue mani. Sapeva la risposta a qualsiasi cosa gli chiedessi”. Ihor parla di quanto si sentisse al sicuro con suo padre. “Mi ha sempre sostenuto. Mi ha insegnato tutto. Abbiamo realizzato questa stufa insieme. Mi ha mostrato come realizzare i mattoni personalizzati”.

Poi mamma Oxana vuole sempre dire qualcosa, non importa quanto sia difficile per lei. “Perché quante più persone possibile hanno bisogno di sapere che le famiglie normali, che un mese e mezzo fa vivevano ancora una vita normale e avevano molti progetti per il futuro, questo può accadere. Mio marito è stato brutalmente assassinato “Voglio che il mondo lo faccia sa quanto sono orribili i russi. Non sono soldati, sono barbari. Nessuna persona sana di mente farebbe una cosa del genere.

READ  Polizia: tre morti in una sparatoria in un centro commerciale di Copenaghen | All'estero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *