Soren Kragh Andersen regala la vittoria ad Alpecin-Deceuninck a Eschborn-Francoforte

Lunedì 1 maggio 2023 alle 17:04

La 60a edizione di Eschborn-Francoforte è stata vinta da Søren Kragh Andersen. Il danese di Alpecin-Deceuninck ha fatto parte di un gruppo d’élite in finale ed è scattato alla sua prima vittoria della stagione dopo una gara molto divertente. Anche Patrick Konrad e Alessandro Fedeli sono saliti sul podio come numero due e tre.

Eschborn-Francoforte è tradizionalmente considerata una corsa per velocisti per eccellenza. Il track record mostra che gli uomini dalle gambe veloci decidono chi può tifare per la linea di sangue di Der Radklassiker. Tuttavia, quest’anno il percorso della corsa tedesca di un giorno ha subito una trasformazione. L’organizzazione ha avuto l’idea di tracciare un percorso di 202 chilometri, con non meno di 3.000 altimetri lungo il percorso. Un cambiamento che potrebbe frenare il lavoro di uomini veloci come Jasper Philipsen, Sam Bennett, Pascal Ackermann e Arnaud De Lie.

Gruppo di testa con due belgi
Il volo della giornata era composto da due belgi, un italiano, un taiwanese, un tedesco e uno spagnolo. Jens Reynders (Israel-Premier Tech), Cériel Desal (Bingoal WB), Matteo Moschetti (Q36.5 Pro Cycling), Sergio Tu (Bahrain Victorious), Max Walscheid (Cofidis) e Felipe Orts (Burgos-BH) hanno unito le forze, ha ottenuto la benedizione del gruppo ed è riuscito a ottenere un vantaggio massimo di circa quattro minuti. In gruppo, il lavoro sporco è stato svolto dagli uomini di Alpecin-Deceuninck e BORA-hansgrohe, alle dipendenze dei velocisti ed ex vincitori Philipsen e Bennett.

Nelle prime ore il percorso è stato un po’ ondulato, ma con poco più di novanta chilometri da percorrere, il gioco è arrivato davvero alla macchina. Sui fianchi del Mammolshainer Berg (2,3 km all’8,3%) il ritmo era già serrato e sulla seconda sezione del Feldberg, particolarmente ripida (7,6 km al 6,5%), è stata davvero la base per i velocisti. Gli ultimi sopravvissuti alla prima fuga sono stati catturati su questa salita, mentre uomini veloci come John Degenkolb, Phil Bauhaus, Jasper Philipsen e il campione in carica Sam Bennett hanno dovuto liberarsi dal gruppo già assottigliato.

READ  Salem 'strega' condannato ufficialmente assolto dopo 329 anni | ADESSO

Selezione seria sul Feldberg, velocisti sotto pressione
Nell’ora di punta della gara, Lorenzo Rota e il rinato Ben Hermans hanno scosso l’albero, ma ciò non ha (ancora) portato a una nuova selezione. Un primo gruppo di una trentina di corridori attraversa la vetta del Feldberg e inizia una nuova tappa della corsa. Nel gruppo di testa, Jayco AlUla ha preso il comando, con il leader (sprint) Michael Matthews che è riuscito a malapena a sopravvivere alla selezione. Il team australiano ha cercato di approfittare di questa situazione di lusso e quindi si è messo completamente davanti al primo gruppo, sperando di tenere a bada un secondo gruppo.

In questo secondo gruppo, gli uomini di Lotto Dstny, al servizio di Arnaud De Lie che era stato rilasciato, hanno cercato di rimediare alla situazione. Nel tempo, la formazione belga ha ricevuto l’aiuto di Uno-X (per Alexander Kristoff) e Team DSM (per John Degenkolb), ma il distacco si è aggirato intorno al minuto per molto tempo. Non c’era traccia di altri due velocisti di punta, Philipsen e Ackermann. Nei chilometri successivi il distacco tra i gruppi 1 e 2 si è ridotto e con altri cinquanta chilometri da percorrere la fusione è stata un dato di fatto.

Sprint a Francoforte o no?
Tuttavia, non c’è stata burrasca per un po’, diversi corridori hanno nuovamente cercato di allontanarsi dal gruppo. Martin Marcellusi ha scelto il momento giusto e l’italiano di Green Project-Bardiani CSF Faizanè è rimasto solo davanti per un po’. Il vantaggio è cresciuto fino a un minuto, ma non è bastato per rimanere fuori dalla portata delle squadre sprint. Il coraggioso Marcellusi ha già perso molte piume sull’ultimo passaggio di Mammolshain, in particolare perché c’è stata una spinta finale su questa salita, con punte fino al 23%.

READ  'Erik ten Hag ha bisogno di un cervello come Einstein a Manchester' | Calcio

Questo ha ispirato Marc Hirschi a una seria accelerazione, che ha fatto piangere di nuovo la band. Dove i velocisti sono stati rimessi sul rack, i pugili e i corridori classici più forti hanno cercato di creare un nuovo volo. Guidato da un potente Hirschi, Marcellusi è stato superato e si è formato un primo gruppo elitario di dieci corridori. Lo svizzero è stato raggiunto da Marcellusi, Lorenzo Rota, Georg Zimmermann, Soren Kragh Andersen, Patrick Konrad, Stevie Williams, Ben Hermans, Georg Steinhauser e Alessandro Fedeli.

Emozionante finale
Questo gruppo aveva i PK necessari e, inoltre, c’era una buona collaborazione. In un secondo gruppo, Jayco AlUla ha tentato di salvare i mobili che servivano Matthews, ma ora il vitello sembrava essere annegato per sempre. La top ten era nervata e sembrava destinata a decidere la vittoria, anche se in finale è stata comunque molto emozionante. Sullo sfondo, il gruppo di Matthews è stato inghiottito dal gruppo e, con rinnovata forza, il secondo gruppo è passato molto vicino alla top ten.

A cinque chilometri dal traguardo, la differenza era solo di mezzo minuto. In altre parole, uno sprint con un gruppo numeroso era ancora uno scenario realistico, ma alla fine le squadre di velocisti non sono riuscite a colmare l’ultimo gap. In altre parole, il vincitore era in testa e uno sprint doveva decidere se vincere o perdere. Kragh Andersen, sulla carta forse il più veloce del gruppo di testa, ha preso lo sprint da lontano. Tuttavia, il danese aveva ancora abbastanza succo nelle gambe e ha affrontato in modo convincente i suoi compagni di fuga. Konrad è arrivato secondo, Fedeli terzo.

READ  probabili formazioni, dove guardarlo in tv e streaming

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *