Spagna, tweet contro Juan Carlos ea sostegno del terrorismo: arrestato il rapper Pablo Hasél

“Non ci faranno mai tacere. Morte a Stato fascista“. La resistenza di Pablo Hasel, il rapper condannato Spagna a nove mesi per “esaltazione del terrorismo e insulti Incoronato“, È durato poco più di un giorno. Era appollaiato con alcuni sostenitori nell’università della sua città natale, Lleida, O io Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, ha fatto irruzione questo martedì per prenderlo prigione. Avrebbe dovuto farlo spontaneamente venerdì scorso, ma sarebbe stata “un’indegna umiliazione di fronte a una sentenza così ingiusta”, come ha scritto. Twitter.

L’artista, al banco di registrazione Pau Rivadulla Duró, 33 anni, è stato processato per aver pubblicato 64 tweet e una canzone intitolata “Juan Carlos El Bobón” (Juan Carlos the Mad) tra il 2014 e il 2016. In uno dei post del social network, giustifica le azioni violente del gruppo terrorista Grapo: “Il dimostrazioni sono necessarie, ma non sufficienti. Supportiamo chi è andato oltre ”. La prima frase è arrivata nel marzo 2018 daPubblico nazionale, un’organizzazione che si occupa di crimini legati a terrorismo, e stabilì una pena detentiva di due anni e un giorno. In appello la pena è stata ridotta a nove mesi e un anno ma potrebbe scendere a due perché Hasél si rifiuta di pagare una multa di oltre 24mila euro.

Le immagini di Mossos D’Esquadra da chi prende il rapperUniversità di Lleida provocò in particolare un’ondata di indignazione Catalogna è a Valenza, dove sono state arrestate 15 persone e 30 ferite. Possiamo ha annunciato che si sottometterà al ministero di giustizia una richiesta di scusa, mentre il governo, compreso il partito di Pablo Iglesias fa parte, ha promesso di avviare una riforma del Codice penale prevenire la detenzione per reati legati alla libertà di opinione. In un comunicato stampa, il dirigente di Pedro Sanchez prevede “punire solo i comportamenti che manifestamente comportano un rischio per l’ordine pubblico”.

READ  gli impegni contro il covid e il cambiamento climatico devono unirsi

Nel paese, molte recensioni si confrontano Hasel, in prigione per aver insultato il Incoronatoe il re emerito Juan Carlos I, trovato in Emirati Arabi Uniti, dove ha scelto di rifugiarsi dopo i vari scandali chi lo ha colpito. I manifestanti sono scesi in piazza per protestare contro quello che vedono come un attacco alla libertà di opinione e 200 personalità del mondo della cultura, tra cui Pablo Almodóvar e Javier bardem, hanno firmato un manifesto per esprimere la loro solidarietà. Ma l’elenco degli artisti accusati per lo stesso motivo è lungo: il rapper Valtonyc scappò in Belgio per evitare la prigione dopo aver lodato E, l’attore Willy Toledo è stato processato per condanne contro il “sentimento religioso” e contro il cantante Fragola Cesare è stato assolto dalla Corte Costituzionale solo per alcuni tweet sulle vittime del terrorismo.

Suoi Pablo Hasel pesano anche altre accuse, spingendo ilPubblico nazionale decidere sulla detenzione. L’artista ha subito un convinzione, attualmente pendente, per un altro caso di “esaltazione” di gruppi come Grapo, E, Al Qaeda nelle sue canzoni. Sebbene queste non siano ancora condanne definitive, restano ancora due condanne a sei mesi e due anni e mezzo per due assalti: uno contro un giornalista di TV3, proprio di fronte all’Università di Lleida, e l’altro contro un uomo che avrebbe testimoniato a favore di un poliziotto prosciolto per aver aggredito un amico minore del rapper. Infine, è oggetto di un’indagine per tentata aggressione ai danni di una delegazione governativa di Lleida durante una manifestazione del 25 marzo 2018 per l’arresto dell’ex leader del processo di indipendenza, Carles Puigdemont, nel Germania.

READ  Coronavirus: Francia in coprifuoco dalle 18.00 Tamponi di massa a studenti e insegnanti

(nella foto: proteste a Barcellona contro l’arresto del rapper)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *