Stati Uniti, dopo 13 anni inizia l’invasione delle cicale – Corriere.it

Negli Stati Uniti è iniziata l’invasione delle cicale, che sono ancora fuori dalla terra a miliardi dopo essere rimasto nascosto per 17 anni. Li chiamiamo magicicada, sono cicale periodiche diverse dalle cicale mediterranee e trascorrono la maggior parte del loro ciclo vitale nel suolo: emergono tre covate ogni 13 anni, altre quindici ogni 17 anni. Vivono solo nel nord-est americano e quest’anno sono attesi in circa 15 stati. – dalla capitale Washington al Michigan, dal Tennessee a New York – tra metà maggio e la prima settimana di giugno, non appena il suolo raggiunge una temperatura di 18 gradi.

Non sono pericolosi, non provocano danni alle colture o all’uomo, non pungono, ma saranno tanti – le stime parlano addirittura di 1,5 milioni ogni 4 chilometri quadrati – e soprattutto rumorosi: per attirare le femmine e completare la fase riproduttiva, i maschi cinguetteranno, cioè emetteranno il classico rumore che può essere forte come un tosaerba. una continuazione dei maschi che attraggono le femmine, ha detto Cnn Eric Day, l’entomologo del Virginia Polytechnic Institute. Prima ne vedi alcuni qua e là, poi iniziano a cantare e ce ne sono così tanti che diventa un coro enorme.


Secondo quanto riferito, il primo è emerso lo scorso fine settimana a Columbus, Ohio: Prima di essere visti, sono stati ascoltati in vari parchi dipartimentali. Sembra che qualcuno abbia preso un bastone e abbia iniziato a suonare la batteria, ha spiegato a Spedizione di Colombo Jen Moore, naturalista di Highbanks Metro Park, spiegando che questi sono solo i primi e molti altri continueranno ad uscire mentre il terreno si scalda. Non è ancora niente, ha detto al quotidiano locale Ed Cozza, residente a Columbus che da decenni corre nel parco cittadino e ovviamente ha un’ottima memoria. Diciassette anni fa sembrava di sentire il rumore della cinghia del radiatore di un’auto rotta.

READ  Svezia, i migranti dovranno fare un "corso sui valori occidentali"

Proprio in Ohio, i ricercatori della Mount St. Joseph University hanno creato un’applicazione, cicadasafari.org, per mappare gli avvistamenti della covata magicicada X, quelli della Brood X, gli stessi che hanno ispirato Bob Dylan nel 1970 la canzone Giorno della cavalletta: sono nati nel 2004 e sono rimasti sottoterra allo stadio di ninfa per 13 o 17 anni, a seconda della specie e del suo ciclo vitale, nutrendosi della linfa degli alberi e delle radici delle piante.

Una volta fuori dal terreno aspetteranno il branco sui rami degli alberi, lasciando cadere a terra il guscio della pupa, poi i maschi inizieranno a cinguettare per attirare le femmine con cui riprodursi: I maschi moriranno subito dopo, le femmine deporranno circa 500 uova, e nel giro di poche settimane – al massimo sei – moriranno anche loro. Le ninfe, da parte loro, penetreranno per 30 centimetri sottoterra e ricominceranno il ciclo, pronti a riapparire, serenamente, nel 2034 o nel 2038.

29 maggio 2021 (modificato il 29 maggio 2021 | 19:56)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *