Stati Uniti e Amazon ammettono: dipendenti costretti a fare pipì in bottiglia

I dipendenti di Amazon a volte sono costretti a fare pipì in bottiglie di plastica per non perdere tempo nelle consegne. Sembrava una leggenda, una finzione cinematografica come quella raccontata dal regista Ken Loach nel suo ultimo film “Sorry We Missed You”. Invece è vero e dopo mesi passati a negarlo, l’azienda ora lo ammette. “Sappiamo che i nostri autisti possono e hanno difficoltà a trovare i servizi igienici a causa del traffico o del traffico fuoristrada e questo era particolarmente comune durante la pandemia di Covid, quando molti bagni pubblici erano chiusi”, confessa l’azienda.

Un’ammissione che segue una polemica sollevata da un tweet di un membro democratico della Camera americana, Mark Pocan. “Pagare i tuoi dipendenti 15 dollari l’ora non ti rende un posto di lavoro all’avanguardia – ha detto al colosso dell’e-commerce – se poi costringi i tuoi dipendenti a fare pipì nelle bottiglie di plastica”.

Inizialmente l’azienda ha negato, ma diversi media americani hanno poi riportato numerose dichiarazioni di dipendenti che hanno testimoniato l’esistenza di questa pratica, e alcuni di loro hanno addirittura riportato documenti interni che attestano come fosse conosciuta anche dai vertici dell’azienda.

L’azienda è stata quindi costretta a voltarsi: “Dobbiamo delle scuse a Pocan”, ha detto. La prima risposta al parlamentare “non ha tenuto conto degli autisti” ed è stata “erroneamente” concentrata sui nostri centri di distribuzione, dove i dipendenti possono “lasciare la loro postazione di lavoro in qualsiasi momento” per visitare “le decine di stanze bagno” a loro disposizione.

READ  Coronavirus nel mondo, Trump: "Positivo su un membro dello staff Covid alla Casa Bianca che non mi è vicino"

Il problema con i driver di Amazon è “di vecchia data” e “riguarda l’intero settore”, ha detto la società, aggiungendo: “Vorremmo risolvere il problema. Non sappiamo come, ma cercheremo soluzioni”. , ha promesso. . La risposta di Pocan è pronta: “Sigh”, ha twittato. “Non si tratta di me, ma dei tuoi dipendenti, che non tratti con sufficiente rispetto e dignità. Inizi a riconoscere le condizioni di lavoro inadeguate che hai creato per tutti i tuoi dipendenti”.

Amazon è sotto i riflettori negli Stati Uniti con un voto per creare un sindacato in un magazzino dell’Alabama che sarebbe il primo nel Paese. I risultati non sono ancora stati annunciati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *