I seggi elettorali in Turchia sono aperti: è questo l’uomo che rovescerà Erdogan?  |  All’estero

I seggi elettorali in Turchia sono aperti: è questo l’uomo che rovescerà Erdogan? | All’estero

elezioniRiuscirà il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a continuare il suo regno ventennale o il politico 69enne ha perso la sua popolarità? Le elezioni presidenziali e legislative di domenica promettono di essere una corsa testa a testa tra Erdogan e il leader dell’opposizione Kemal Kilicdaroglu del Partito popolare repubblicano di centrosinistra (CHP).

In Turchia si recano alle urne 60,7 milioni di elettori. Gli esperti affermano che Erdogan deve affrontare la sfida più difficile degli ultimi due decenni. Ne detiene la presidenza dal 2014. Il suo AKP, o Partito Giustizia e Sviluppo, è entrato nella scena politica turca nel 2002 ed è stato subito dichiarato vincitore delle elezioni. Da allora, il partito conservatore di destra ha costantemente vinto la parte del leone dei voti.

Erdogan, che ha iniziato la sua carriera politica principalmente come sindaco di Istanbul, è stato primo ministro del paese tra il 2003 e il 2014. Successivamente è stato eletto presidente. Dal referendum costituzionale del 2017, condotto da Erdogan, la carica di primo ministro è scomparsa e il presidente ha quindi più potere.

Il presidente Recep Erdogan parla durante il suo ultimo comizio elettorale.
Il presidente Recep Erdogan parla durante il suo ultimo comizio elettorale. © Getty Images

Quest’anno Erdogan è sfidato da due candidati: Sinan Ogan e Kemal Kilicdaroglu. In precedenza, anche Muharrem Ince aveva partecipato alla corsa presidenziale, ma si era ritirato tre giorni prima delle urne.

rivale principale

Kilicdaroglu è considerato il principale rivale di Erdogan. Il suo partito, il CHP, fa parte della “Nation Alliance”. Questo blocco è composto da sei partiti di opposizione e, secondo i sondaggi, ha buone possibilità di rovesciare il blocco al potere, in cui l’AKP di Erdogan gioca un ruolo di primo piano.

READ  in due anni per ridurre la salute - Il Tempo

Kilicdaroglu, che guida l’opposizione dal 2010, guida il CHP di centrosinistra, fondato da Mustafa Kemal Atatürk. Come Atatürk, anche Kilicdaroglu sottolinea la Turchia laica. Inoltre, anche l’Alleanza delle Nazioni vuole muoversi verso un corso più occidentale e insiste sul ripristino della democrazia, tornando al sistema parlamentare con un primo ministro, tra gli altri.

CHP = sostenitori con un ritratto di Kemal Kilicdaroglu
CHP = sostenitori con un ritratto di Kemal Kilicdaroglu © Getty Images

Tuttavia, il 74enne Kilicdaroglu non è stato scelto come sfidante di Erdogan senza combattere. Inizialmente, il secondo partito più grande del blocco, l’IYI, si oppose alla nomina. Questo partito ha preferito vedere candidati altri due membri del CHP, vale a dire il sindaco Ekrem Imamoglu di Istanbul e il sindaco Mansur Yavas di Ankara. Alla fine, l’IYI ha fatto marcia indietro dopo aver promesso di promuovere entrambi i sindaci a “vicepresidenti” se avessero vinto. La denigrazione interna mostra la divisione dell’opposizione, che da anni cerca di spezzare l’egemonia di Erdogan.

prendere colpi

Tuttavia, Erdogan ha dovuto subire alcuni colpi ultimamente. Il terremoto che ha scosso gran parte della Turchia e della Siria alla fine di febbraio – con oltre 50.000 morti in Turchia – e la lenta risposta del governo al disastro hanno suscitato critiche diffuse. Anche l’economia turca non sta andando bene con un tasso di inflazione che lo scorso autunno ha superato il massimo degli ultimi 24 anni.

Tuttavia, negli ultimi anni il “sultano moderno” ha rafforzato la presa sul Paese. Ad esempio, i più grandi marchi dei media sono controllati da persone strettamente legate al partito AK, ha scoperto l’agenzia di stampa Reuters. Inoltre, è possibile anche uno stretto controllo governativo sui social media grazie a una legge controversa, che offre alle autorità la possibilità di censura. Erdogan si sta affermando anche sulla scena estera.

READ  "Non incontrare nessuno, allora salveremo il Natale"

Quasi 61 milioni di turchi si recano oggi alle urne.
Quasi 61 milioni di turchi si recano oggi alle urne. © Getty Images

Oltre ai due blocchi di Erdogan e Kilicdaroglu, c’è in corsa una terza alleanza, ma secondo i sondaggi questo blocco se la cava molto peggio degli altri due. Mentre Erdogan e Kilicdaroglu hanno superato le aspettative dei vincitori nei sondaggi nelle ultime settimane, sondaggi più recenti sembrano puntare nella direzione di quest’ultimo.

All’estero

Se nessuno riesce a sostenere più del cinquanta per cento dei votanti, il 28 maggio seguirà un secondo turno di votazioni. 3,4 milioni di turchi all’estero hanno potuto votare prima. Nei Paesi Bassi, questo è stato possibile ad Amsterdam, L’Aia, Deventer ed Eindhoven.

Secondo la maggior parte dei sondaggi, Erdogan è subito dietro a Kilicdaroglu. Anche se lui stesso dice che si aspetta di essere rieletto. Altrimenti, promette di cedere il potere pacificamente. I seggi elettorali sono aperti dalle 8:00 alle 17:00 ora locale. I primi risultati sono attesi nelle prossime ore.

Il deputato di GroenLink guida gli osservatori internazionali

La deputata Farah Karimi (GroenLinks) guida la missione internazionale di osservazione elettorale dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione (OSCE). Con l’avvicinarsi delle elezioni, afferma, ci sono già stati numerosi segnali che non sono del tutto libere ed eque. “È un grosso problema.”

Come esempio, cita i terremoti nel paese, che hanno causato lo sfollamento di milioni di turchi all’inizio di quest’anno. Da allora solo circa 300.000 persone si sono registrate in un altro collegio elettorale. “Non abbiamo il numero esatto di sfollati, ma ce ne sono molti di più”.

READ  Il Bhutan ha vaccinato l'85% della sua popolazione adulta in una settimana

I turchi devono risiedere nella regione in cui desiderano votare. “Se gli sfollati vogliono esercitare il loro diritto di voto dopo il terremoto, devono tornare nelle zone colpite dal terremoto e il governo non ha fornito alcuna struttura per questo”, ha detto Karimi. “Quindi, in effetti, è impossibile per centinaia di migliaia esercitare il proprio diritto di voto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *