Ti ricordi Daniele Interrante, tronista di Uomini e Donne? Dopo essere stato coinvolto nel brutto processo, ecco cosa gli è successo

L’ex tronista di Uomini e Donne, Daniele Interrante, è stato coinvolto in un brutto processo. Vediamo di cosa si tratta

Nato alla fine degli anni ’70 nel capoluogo lombardo, per Interrante la prima esperienza televisiva è arrivata con la sua partecipazione al programma Mediaset “Il brutto anatroccolo”.

Daniele Interrante (Fonte Web)

Il grande successo, però, è arrivato grazie a Uomini e donne, storico programma di incontri condotto da Maria De Filippi. Qui ha interpretato il ruolo di tronista, al fianco di un altro personaggio noto al pubblico italiano come Costantino Vitagliano.

Da quel momento il suo nome finisce spesso sulle copertine di riviste dedicate alle rubriche di gossip, grazie ai vari flirt di cui diventa protagonista. Tra i più noti ricordiamo ad esempio quello con Melissa Satta e quello con Francesca De André, figlia dello storico cantautore. Tuttavia, è con Guendalina Canessa che Daniele è diventato papà di una bambina nata nel 2010.

Leggi qui -> Casa Ferragnez, hai mai visto dove abitano? Lusso sfrenato

Leggi qui -> Cecilia e Ignazio, la notizia improvvisa: “La famiglia cresce”

Leggi qui -> Maradona, guerra infinita per la mega eredità: i familiari rimasti senza casa

Daniele Interrante, successo in tribunale

Negli ultimi anni l’ex tronista è uscito dalle luci della ribalta. Il motivo è purtroppo estremamente grave, perché partecipato a una prova.

Il sondaggio ha preso il nome di “Carminio”. Daniele sarebbe coinvolto in alcune infiltrazioni della ‘Ndrangheta in Piemonte. Secondo l’ordinanza, riportata dal quotidiano “La Stampa”, l’uomo di quarantuno anni “Manteneva i legami con i destinatari delle fatture, era finanziatore del sistema Slm Marketing e gestiva i rapporti con il commercialista Marco Podda”.

READ  Ballando, Elisa Isoardi ammette: "sono esausta"

La suddetta società avrebbe emesso fatture fittizie al fine di consentire il riciclaggio di denaro. Secondo il suo avvocato difensore Marco Ventura, invece, il suo assistito non era a conoscenza del reato, ma aveva un semplice contratto di sponsorizzazione.

Daniele Interrante (Fonte Web)

L’avvocato ha poi aggiunto: “Siamo fiduciosi e abbiamo deciso di passare attraverso il processo. A prescindere dal reato tributario in sé, non troviamo corretta la denuncia aggravante per mafia”. Per l’accusa, invece, la realtà è ben diversa.

Sembrerebbe infatti essere l’antico tronista di Uomini e Donne a ricercare clienti per fare fatture fittizie. Al momento non ci sono ulteriori notizie in merito all’evoluzione del processo, quindi non ci resta che attendere notizie in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *