Tracce di vulcanismo attivo scoperte su Venere

Tracce di vulcanismo attivo scoperte su Venere

Un'immagine 3D del vulcano Venus Maat Mons, basata sulle osservazioni radar della navicella spaziale Magellano.  Il rilievo verticale è stato ingrandito più di 20 volte.  Immagine NASA/JPL

Un’immagine 3D del vulcano Venus Maat Mons, basata sulle osservazioni radar della navicella spaziale Magellano. Il rilievo verticale è stato ingrandito più di 20 volte.Immagine NASA/JPL

La scoperta è stata annunciata durante un’importante conferenza per ricercatori planetari in Texas e sarà pubblicata questa settimana su un settimanale. Scienza. La scoperta fornisce ulteriori informazioni sul ruolo che il vulcanismo gioca su un pianeta senza tettonica a placche o deriva dei continenti, i processi geologici responsabili di gran parte del vulcanismo terrestre.

Robert Herrick dell’Università dell’Alaska e Scott Hensley del Jet Propulsion Laboratory della NASA avrebbero voluto presentare foto dettagliate di grandi nubi di cenere e impressionanti fontane di lava. Tuttavia, non sono stati visti: la superficie di Venere è oscurata da una copertura nuvolosa permanentemente chiusa. Invece, hanno trovato cambiamenti significativi nel paesaggio nelle vecchie misurazioni radar, che sono quasi certamente dovute all’attività vulcanica. Dopo la Terra e la luna di Giove Io, Venere è ora il terzo corpo celeste del sistema solare a sperimentare il vulcanismo roccioso attivo.

Radar

Più di trent’anni fa, la superficie di Venere è stata mappata dalla sonda spaziale americana Magellan usando il radar. Inoltre, molte aree del pianeta sono state misurate due volte, a otto mesi di distanza. Herrick e Hensley hanno ora riesaminato queste vecchie osservazioni di Magellano, alla ricerca di notevoli differenze.

Sul fianco settentrionale del Maat Mons, un vulcano a scudo alto cinque chilometri, hanno scoperto un cratere relativamente piccolo con un diametro di oltre un chilometro e mezzo, quasi circolare nella prima “foto radar”. Nella foto due, il cratere è molto più grande e di forma più irregolare. Inoltre, sembra meno profondo, come se fosse pieno di lava. Poco più a nord potrebbe essersi formato anche un nuovo campo lavico di quasi settanta chilometri quadrati.

Secondo i due ricercatori, tutto ciò indica che Maat Mons è ancora attivo, così come il grande vulcano a scudo Mauna Loa alle Hawaii. “Sembra proprio così”, afferma il vulcanologo Bernd Andeweg della Libera Università di Amsterdam. “È molto complicato spiegare altrimenti un cambiamento così significativo del paesaggio in così poco tempo, anche se i ricercatori stessi sono ancora un po’ cauti”.

Sullo scaffale

Anche Sebastiaan de Vet, ricercatore planetario presso TU Delft, è piacevolmente sorpreso dal risultato. “È bello vedere che vengono ancora fatte nuove scoperte sulla base di vecchi dati osservativi”, afferma. “Soprattutto perché c’è ancora molto materiale sullo scaffale.”

De Vet attende con impazienza nuovi voli spaziali verso Venere. La sonda spaziale europea Envision studierà il pianeta in modo molto più dettagliato negli anni ’30, utilizzando ancora il radar. Questo è più di quarant’anni dopo le misurazioni radar di Magellan.

Se il paesaggio di Venere può subire una trasformazione così drastica in otto mesi, le tracce dell’attività vulcanica devono essere del tutto inconfondibili dopo quarant’anni. De Vet: “Se questa scoperta fosse supportata da osservazioni di future missioni spaziali, sarebbe ovviamente fantastico”.

READ  F1, Verstappen batte la Mercedes: la sua pole al GP di Abu Dhabi. Ferrari dietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *