Tragedia per Nino Benvenuti: il figlio Stefano si è suicidato

Nino Benvenuto ha perso suo figlio. Questo figlio di 58 anni non c’è più e la famiglia, schiacciata da un dolore anormale dettato dalla sua perdita causata da un gesto estremo e definitivo di Stefano, ha vissuto il proprio dramma in modo discreto. Nonostante gli arresti domiciliari, che avevano migliorato le sue condizioni, qualcosa si è rotto in lui e il figlio del campione olimpico è stato ritrovato senza vita pochi giorni fa in un bosco del Carso. Il quotidiano triestino ha annunciato la morte del figlio del campione di boxe “Il piccolo”, descrivendo le difficoltà dell’uomo e il rapporto con suo padre Nino complicato, persino conflittuale. Anche per le scelte sbagliate.

Il difficile rapporto con il padre Nino Benevenuti

Finito anche con mezzi legali. Un rapporto complicato, quello con il padre che ha segnato la personalità di Stefano Benvenuti, figlio di Nino e la sua prima moglie Giuliana.

L’ex campione del mondo aveva affrontato anche il figlio maggiore nelle aule di tribunale, per episodi legati a determinati oggetti che Stefano ha affermato che gli erano state date da suo padre (alla fine restituito), comprese le reliquie del suo passato competitivo e per la storia di un assegno incassato, piuttosto che depositate sul conto di sua madre o date a sua madre Giuliana Per l’alimentazione.

Stefano Benvenuti e la sua vita fuori dal carcere

Al tempo, Stefano Benvenuto è stato rilasciato dal carcere, dove si trovava da circa due anni per una storia legata ai gioielli della sua ex compagna. La scorsa primavera, l’emergenza Covid questo gli aveva permesso di ottenere gli arresti domiciliari. Il viaggio non era finito, ma accadde qualcosa di irreparabile.

READ  Champions League, ecco le quattro pentole per il sorteggio

VIRGILIO SPORT | 23-12-2020 17:38

Fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *