tragica fine per l’82enne

Continuano le “feste di sangue”: questa volta è tragico l’epilogo di un vecchio caduto in un burrone.

Burrone (Pixabay)

Stava lavorando in giardino quando, forse a causa di una malattia o forse di un’insignificante perdita di equilibrio, cadde in un burrone che dominava il suo giardino.

È la tragica fine della vita di un cittadino svizzero di 82 anni residente nel Mendrisiotto. Ll’uomo è scivolato giù da una scarpata intorno alle 11 di sabato 3 luglio, mentre lavorava nel suo giardino.

La caduta è stata catastrofica, un volo di una ventina di metri, che non ha lasciato speranze agli anziani. La notizia è stata data dalla polizia cantonale, accorsa sul posto per prestare soccorso.

Una caduta che non ha lasciato scampo

Secondo una prima ricostruzione, come riporta il quotidiano Varese, si diceva che l’uomo avesse intenzione di fare il giardinaggio in un pezzo di terra appena fuori città quando perse l’equilibrio e cadde.

Restano da stabilire le ragioni della caduta: una malattia? O qualcos’altro? Toccherà agli inquirenti fare chiarezza.

I soccorsi sono arrivati ​​velocemente, anche se purtroppo non c’era molto da fare per lo sfortunato ottantenne.

Vigili del fuoco (Pixabay)

Oltre alla citata Polizia Cantonale, a supporto sono intervenuti agenti della Polizia Municipale di Chiasso, oltre agli ultimi reparti della Servizio ambulanza Mendrisiotto (SAM) e i vigili del fuoco di Centro cantonale di soccorso del Mendrisiotto (CSPM).

VEDI ANCHE—> Royal family, tra William e Harry ormai è rottura: arrivano le prime conferme

Nonostante ciò, l’uomo è deceduto per le ferite riportate durante il trauma da impatto. Un modo tragico per iniziare il weekend, che purtroppo non è una novità.

READ  Vaticano, sanzioni severe per i dipendenti che non si vaccinano contro Covid

VEDI ANCHE—> Denise Pipitone, coppia accusata di falsa testimonianza: i dettagli falsi

L’ultimo mese, infatti, è stato afflitto da numerosi casi di incidenti a vacanzieri che hanno rischiato la vita e in alcuni casi, come oggi, hanno pagato a caro prezzo un momento di distrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *