Trasloco a New York: cittadini pagati per vaccinarsi, 100 dollari per la prima amministrazione. Casi in aumento

A partire da venerdì prossimo, New York pagherà i suoi cittadini per farsi vaccinare contro il Covid. Con la prima iniezione riceverai 100 dollari sotto forma di carta di debito prepagata. Lo ha annunciato il sindaco Bill de Blasio su twitter e l’iniziativa punta ad aumentare quota di popolazione immuni nella città americana.

Questo è solo l’ultimo di una serie di incentivi messi insieme da New York City, che includono i biglietti per la Statua della Libertà e il Parco divertimenti, così come pasti veloci.

La città è alle prese con un ulteriore aumento dei contagi e dei ricoveri che colpiscono soprattutto chi non è stato ancora vaccinato. Ieri, i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno raccomandato che le persone, anche vaccinate, indossare le loro maschere negli spazi pubblici chiusi in aree che hanno registrato più di 50 nuovi contagi ogni 100.000 abitanti la settimana precedente. Si avvicina la media di sette giorni dei nuovi casi 1.000, rispetto solo 200 il mese scorso. Circa il 75% è attribuito alla variante delta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Aspettare ilfattoquotidiano.it significa due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di informazioni e informazioni, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la nostra parte per condurre insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale.
Supporta ora

READ  Covid, Biden: "Entro 90 giorni, l'intelligence americana produrrà file sulle origini del virus e con domande alla Cina"

Grazie,
Pierre Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporta ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

La Gran Bretagna sta rimuovendo l’obbligo di mettere in quarantena le persone vaccinate dall’UE e dagli Stati Uniti. Tokyo, altri 3mila casi: record dall’inizio della pandemia

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *