Tre premi Nobel per la pace non sono amici di Vladimir Putin |  All’estero

Tre premi Nobel per la pace non sono amici di Vladimir Putin | All’estero

aggiornareIl Premio Nobel per la Pace di quest’anno viene assegnato ad attivisti per i diritti umani di tre paesi. Ales Bialiatski dalla Bielorussia, l’organizzazione russa Memorial e l’organizzazione ucraina Center for Civil Liberties ricevono il prestigioso riconoscimento. Lo ha annunciato questa mattina il Comitato norvegese per il Nobel.

Come ogni anno, c’era molta speculazione a monte sui potenziali corteggiatori. Gli esperti hanno citato persone che parlano contro il presidente russo Vladimir Putin o fanno campagne contro il cambiamento climatico. È diventato il primo. La scelta degli attivisti bielorussi, ucraini e russi è un chiaro segnale del Comitato per il Nobel ai regimi di Mosca e Minsk.

Alla domanda se i tre vincitori fossero un regalo di compleanno molto brutto per Putin, che oggi compie 70 anni, Berit Reiss-Andersen, presidente del Comitato per il Nobel, ha risposto che il premio non era destinato a Putin, ma che il suo regime autoritario, come quello di La Bielorussia deve smettere di opprimere i difensori dei diritti umani. “Questo premio non è per il compleanno di Vladimir Putin o altro, tranne per il fatto che il suo governo, come il governo bielorusso, è un governo autoritario che opprime gli attivisti per i diritti umani”.

Prezzo per Bialiatski sorpreso

Ales Bialiatski ha dedicato la sua vita alla promozione della democrazia e dello sviluppo pacifico nel suo paese natale, ha affermato il Comitato per il Nobel. Il difensore dei diritti umani è trattenuto senza processo per evasione fiscale dal 2021, ma i suoi sostenitori affermano che è un prigioniero politico.

READ  Sale la tensione in Francia: ancora Macron o Le Pen?

Il prezzo di Bialiatski è stato una sorpresa, poiché la sua connazionale Svetlana Tikhanovskaya era vista principalmente come una grande favorita. Questo leader dell’opposizione bielorussa molto probabilmente ha vinto le elezioni presidenziali del 2020, ma il presidente in carica Alexander Lukashenko – un alleato di Vladimir Putin – ha rivendicato la vittoria e ha ordinato alle sue forze di sicurezza di reprimere le proteste contro il risultato. Bialiatsky spesso si schierava con Tikhanovskaya.

Tikhanovskaya ha salutato il Premio Nobel come un importante riconoscimento per “tutti i combattenti bielorussi per la libertà e la democrazia”. Coglie l’occasione per chiedere il rilascio di tutti i prigionieri politici. Il Comitato norvegese per il Nobel chiede alla Bielorussia di rilasciare Bialiatski il prima possibile.

di Reuters

© via Reuters

Lo stesso Bialiatski si batte da quarant’anni per i diritti umani e all’epoca è stato coinvolto in molte iniziative democratiche in Unione Sovietica. In qualità di direttore del museo a Minsk, ha organizzato mostre di alto livello su temi politici, culturali e religiosi.

arresti domiciliari

Bialiatski è stato arrestato nel 2011, presumibilmente per evasione fiscale. Aveva utilizzato conti bancari personali in Lituania e Polonia per finanziare il centro per i diritti umani Viasna. La condanna era solo un modo per contrastare il suo lavoro sui diritti umani. È stato rilasciato ma è stato posto agli arresti domiciliari e ha dovuto presentarsi alla stazione di polizia ogni mese. È stato arrestato di nuovo l’anno scorso. Amnesty International sta facendo una campagna per il suo rilascio.

La moglie di Bialiatski è “sopraffatta dalle emozioni” dopo la notizia. Ha ringraziato il comitato norvegese per aver riconosciuto il lavoro di Bialiatski e dei suoi colleghi.

dissidenti russi

Memorial è un’organizzazione internazionale di storia e diritti civili attiva in numerosi paesi dell’ex Unione Sovietica dal 1987. L’organizzazione è stata co-fondata dai famosi dissidenti russi Andrei Sakharov, Sergei Kovalev e Arseni Roginsky. Quest’ultimo è stato presidente di Memorial dal 1996 fino alla sua morte nel dicembre 2017. Memorial è stata fondata all’epoca da attivisti che volevano evitare che le vittime dell’oppressione del regime comunista venissero dimenticate.

Sede del memoriale a Mosca

Sede del memoriale a Mosca © ANP/EPA

Memorial era l’organizzazione per i diritti umani più antica e rispettata del paese, ma l’anno scorso è stata bandita dalla Corte Suprema russa. Nel 2009, l’organizzazione ha ricevuto il Premio Sacharov per la libertà di pensiero del Parlamento europeo. L’ufficio tedesco di Memorial ha salutato il Premio Nobel come riconoscimento per il lavoro sui diritti umani. “Questo premio ci incoraggia ad aiutare i nostri colleghi russi a continuare il loro lavoro in una nuova sede, nonostante lo scioglimento forzato del Memorial International a Mosca”, ha affermato il membro del consiglio Anke Giesen.

Opinione pubblica

La terza organizzazione a condividere il Premio Nobel quest’anno è l’organizzazione ucraina per i diritti umani Center for Civil Liberties (CCL). Questa organizzazione si batte per i diritti umani, la democrazia e la solidarietà in Ucraina dal 2007. La CCL è stata molto coinvolta in dibattiti e manifestazioni negli ultimi anni e ha molta influenza sull’opinione pubblica nel paese.

Natalia Yasjoek, Coordinatrice del Centro per le Libertà Civili

Natalia Yasjoek, Coordinatrice del Centro per le Libertà Civili ©REUTERS

“L’organizzazione ha rafforzato la società civile ucraina e ha esercitato pressioni sulle autorità per fare dell’Ucraina una democrazia a tutti gli effetti”, ha affermato la giuria. Inoltre, aiuta a documentare i crimini di guerra russi contro i civili ucraini. “Lavorando con partner internazionali, il centro sta svolgendo un ruolo pionieristico nel portare in carico i responsabili dei loro crimini”.

Il Center for Civil Liberties si dice “orgoglioso” di aver vinto il Premio Nobel per la Pace. Il premio è visto come “riconoscimento del lavoro di molti attivisti per i diritti umani dentro e fuori l’Ucraina”.

Vincitori passati

L’anno scorso il Premio Nobel per la Pace è stato assegnato a due giornalisti, Maria Ressa dalle Filippine e Dmitry Muratov dalla Russia, per la loro “coraggiosa lotta” per la libertà di espressione nei loro paesi d’origine. Hanno vinto il premio anche Barack Obama, Nelson Mandela e Mikhail Gorbachev, tra gli altri.

L’elenco dei candidati di quest’anno comprende 251 persone nominate e 92 organizzazioni nominate. Il vincitore riceverà 10 milioni di corone svedesi (più di 900.000 euro), una medaglia, un diploma e, ovviamente, un’attenzione mondiale immediata. Il prestigioso riconoscimento per le persone che hanno lavorato per promuovere la pace è l’unico premio Nobel assegnato da un’istituzione norvegese. Gli altri premi Nobel vengono assegnati dai comitati svedesi.

Sei premi Nobel di fila
Questa settimana è dedicata ai Premi Nobel. I premi scientifici sono iniziati lunedì con fisiologia o medicina. Il biologo e medico svedese Svante Pääbo ha ricevuto il premio per la sua ricerca sull’evoluzione umana. Lo svedese è stato il primo a mappare il DNA di ominidi estinti, come i Neanderthal.

I vincitori del Premio Nobel per la Fisica di quest’anno sono il francese Alain Aspect, l’americano John F. Clauser e l’austriaco Anton Zeilinger per le loro ricerche nel campo della fisica quantistica.

Due americani e un danese hanno ricevuto insieme il premio Nobel per la chimica mercoledì. Carolyn Bertozzi, Barry Sharpless e Morten Meldal hanno scoperto come le molecole possono essere collegate tra loro, nota come chimica del clic.

Giovedì il Premio Nobel per la Letteratura è stato assegnato alla scrittrice francese Annie Ernaux.

L’ultimo della fila seguirà lunedì: Economy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *